Posts Tagged ‘strategie di apprendimento’

Ormai è diventato quasi un caso di stato. Il famigerato test d’ingresso, tanto lodato quanto criticato, ogni anno sempre di più in tutti gli atenei italiani, nessuno escluso. Gironzolando sul web se ne leggono di ogni genere. C’è chi pensa che il test d’ingresso, come quello che viene affrontato dai nostri studenti ogni anno sia decisamente meritocratico. C’è chi pensa che almeno in parte sia inutile o che comunque non serva a valutare se quello studente sarà poi un buon professionista. C’è chi suggerisce modifiche nelle modalità nello svolgimento e nelle materie oggetto dell’esame. Pareri personali a parte, il test c’è. Il MIUR ne fornisce un programma piuttosto dettagliato. Insomma, tra le difficoltà che uno può avere nella vita, il test d’ingresso alle facoltà a numero programmato non può essere certo l’ostacolo più grande. Soprattutto se coscienti del fatto che le cose stanno così, ci si inizia a preparare con un po’ anticipo. Read the rest of this entry »

 Di corsi di formazione ce ne sono tanti, in ogni città di Italia, di ogni tipo, pratici o teorici. Ma prima di fare un qualsiasi seminario formativo è fondamentale farsi una domanda. Perché? Perché, ad esempio fare un corso di memoria? Quali sono i miei obiettivi? Quale è il mio scopo? Quali sono le motivazione e quanto sono forti? Oggi parleremo di memoria e apprendimento. Il tema riguardante la memoria e l’apprendimento è un argomento di grande discussione per la comunità scientifica, e non solo, che ha da sempre cercato di comprenderne il funzionamento, ha studiato le menti dei grandi geni e delle persone di successo per capire in che modo, quali fossero i meccanismi alla base delle nostre capacità mentali.

La storia e la letteratura ci parlano di personaggi straordinari come Cicerone e Pico della Mirandola dotati di capacità mnemoniche fuori dal comune. Ecco perché oggi, con tutte le evoluzioni e gli approfondimenti del caso possiamo utilizzare il corso di memoria per raggiungere tutti i nostri obiettivi. Read the rest of this entry »

Parliamo ancora di tecniche di memoria. Nei post precedenti abbiamo affrontato l’argomento concentrandoci sulle singole strategie come le tecniche_memoriamappe mentali o il metodo di studio organico ma c’è qualcosa in più da sapere che riguarda la storia e l’origine delle tecniche di memorizzazione. Innanzitutto dobbiamo dire che sono dei metodi scientifici studiati per immagazzinare qualsiasi tipo di informazione. Non sono un’invenzione recente ma il loro primo utilizzo risale all’epoca di Cicerone, per questo una delle tecniche viene chiamata “dei loci ciceroniani”, che inventò uno stratagemma per ricordare a memoria le sue lunghe orazioni. Cicerone per ricordare le numerose informazioni abbinava ogni concetto ad un luogo conosciuto. A partire da Cicerone le tecniche di memoria si sono evolute nel tempo, fino ad arrivare a quelle utilizzare oggi al corso di memoria, grazie soprattutto al contributo della scienza, che ha studiato in profondità il funzionamento del nostro cervello e delle sue diverse aree. Read the rest of this entry »

Se la memoria fa cilecca..come fare? Prima di trovare una soluzione dobbiamo comprendere la radice del problema. A cosa sono dovute le memorianostre carenze di memoria? Tranquilli, la nostra mente non è satura ne è indice di invecchiamento. Nella maggior parte dei casi una scarsa memoria è dovuta a tre fattori. Mancanza di interesse, mancanza di concentrazione, un metodo poco efficace. Del resto se ci pensiamo bene, quante delle cose che ci interessano veramente riusciamo a ricordare? E invece quando ad esempio studiamo una materia che ci interessa poco? Facciamo fatica a ricordare…Lo stesso accade ad esempio quando studiamo e non siamo concentrati. Magari leggiamo intere pagine mentre la nostra mente è da tutt’altra parte, arriviamo alla fine del capitolo e non ricordiamo assolutamente nulla. Read the rest of this entry »

Che relazione c’è tra memoria e apprendimento? E’ possibile adattare il nostro modo di studiare in base al tipo di memoria che possediamo? Ognuno di noi, quando comunica o percepisce informazioni lo fa attraverso un canale preferenziale. La classificazione che viene fatta dalla Pnl e che distingue le persone in tre grandi categorie, visive, uditive e cinestesiche, vale anche per quanto riguarda l’apprendimento. Le tecniche di memoria e apprendimento efficace, che possiamo imparare al corso di memoria puntano appunto ad utilizzare le caratteristiche della nostra memoria. A seconda che la nostra memoria si prevalentemente visiva, uditiva o cinestesica possiamo capire quale sia la strategia migliore da utilizzare per rendere il nostro studio e la nostra capacità di apprendimento efficiente ed efficace. Read the rest of this entry »

Quando si parla di memoria, di corsi di memoria o di tecniche di memoria spesso pensiamo ad un miglioramento o ad un cambiamento radicale strategie per memorizzaredella nostra memoria. In realtà quando parliamo di memoria, corsi di memoria o tecniche di memoria dobbiamo pensare a delle strategie per memorizzare, che sicuramente avranno un’influenza positiva sulla nostra mente permettendoci di renderla più elastica e allenata, ma che hanno come scopo principale quello di aiutarci a ricordare le informazioni che riteniamo utili. Ai corsi di memoria (vedi Corso di Memoria C.I.A.O.) vengono insegnate diverse strategie, che hanno la stessa validità a livello di efficacia e che sono applicabili a tutte le materie di studio o aggiornamento. Il vantaggio che ne possiamo trarre, oltre ovviamente a quello di riuscire a memorizzare con grande facilità e sicurezza, è la scelta. Read the rest of this entry »