Posts Tagged ‘microespressioni’

Il disgusto, così come il disprezzo è un sentimento di repulsione. Si prova disprezzo per le persone e per le loro azioni. Proviamo invece disgusto per disgusto_microespressionioggetti, odori o sapori. L’emozione del disgusto si può attivare attraverso tutti i cinque sensi, possiamo toccare, sentire, vedere, gustare e odorare un qualcosa ed esserne disgustati. Anche il solo pensiero di una cosa disgustosa può far nascere questa sensazione. Quando proviamo disgusto, la prima reazione è quella di allontanarci dall’oggetto che ha causato quello stimolo.

Come si manifesta il disgusto? Il disgusto si manifesta soprattutto nella zona del naso e della bocca.  Nella mimica del disgusto il labbro superiore compare sollevato, mentre quello inferiore può essere sollevato o abbassato e anche la guance si sollevano. Read the rest of this entry »

La tristezza è un sentimento di sofferenza. Quando si è tristi si soffre, ma non fisicamente. E’ un sentimento passivo, non viene espressomimica_facciale_tristezzaattraverso pianti e lamenti, ma possiamo riconoscere una persona triste attraverso la mimica facciale e i cambiamenti a livello fisiologico della postura. Una persona triste avrà la tendenza ad incurvarsi, il capo chino, le spalle scendono curvate in avanti, ogni parte del corpo è molle come abbandonata a se stessa. La tristezza, e differenza delle altre emozioni primarie può durare per giorni o mesi.

Per quanto riguarda la mimica facciale, la tristezza compare sul volto intervenendo sulle tre aree principali del viso. La mimica della tristezza si verifica principalmente attraverso i movimenti muscolari della parte superiore del volto, coinvolgendo fronte e sopracciglia. Read the rest of this entry »

microespressioniCome si fa ad imparare a leggere le emozioni con le Microespressioni facciali e cosa significa leggere le emozioni? Innanzitutto diciamo cosa sono le microespressioni facciali e come queste sono legate alle nostre emozioni e soprattutto a quali. Le microespressioni facciali sono costituite da combinazioni di rapidissimi movimenti muscolari del nostro volto, durano meno di un secondo. Ogni combinazione di movimenti dei muscoli facciali è collegata ad una emozione. Paul Ekman, colui che possiamo definire “padre” della mimica facciale, approfondendo gli studi precedentemente condotti da Darwin, sulle emozioni umane, dopo una serie di esperimenti condotti in tutto il mondo, è giunto alla conclusione che ognuno di noi esprime le proprie emozioni anche, e soprattutto attraverso la mimica del volto. Read the rest of this entry »

Continuiamo l’analisi sui segnali per riconoscere una menzogna. Come abbiamo visto nei post precedenti, nella maggior parte dei casi, chi dice unamenzogna bugia, è sottoposto ad un forte stress emotivo, che può essere causato dalla paura di essere scoperti o di non essere creduti, oltre al fatto che il mentitore deve fare uno sforzo notevole non solo per raccontare la menzogna cercando di renderla il più credibile possibile ma deve comunque sforzarsi per fare in modo che non trapeli nulla che possa smascherarlo. Abbiamo visto quali sono i segnali da osservare nel volto, in particolare nella zona degli occhi e che anche la postura, il modo di gestire lo spazio può aiutarci a capire se una persona mente.

Anche il modo in cui una persona gesticola può essere indicativo di una menzogna. Quando conversiamo, gesticoliamo con braccia e mani per supportare quanto viene detto e per dare maggiore enfasi alle parole. Read the rest of this entry »

Tra poche settimane il via ad una nuova serie di seminari di Microespressioni facciali. “Scopri chi ti mente”, ma non solo, è l’obiettivo del seminario di formazione che ha preso campo in Italia e all’estero negli ultimi anni.

A partire dal secondo week-end di novembre 2013, inizia una programmazione di seminari fino a marzo 2014. Si parte l’8 – 9 – 10 novembre 2013 con la tre giorni nella sede di Milano, per finire a Perugia il 14 marzo 2014, passando per altre dodici città: Roma, Torino, Padova, Pescara, Bologna, Verona, Napoli , Lugano, Genova, Trieste, Firenze e Pisa. In collaborazione con Your Trainers Group, la formazione vene estesa alle molteplici sedi italiane, per dare la possibilità a tutti coloro che sono interessati di partecipare al corso più vicino.

I seminari di microespressioni facciali si svolgono in un week end intensivo, dal venerdì pomeriggio alla domenica sera. Read the rest of this entry »

Quando osserviamo le espressioni del volto del nostro interlocutore, possiamo individuare diverse paura_disgusto_microespressioniemozioni. Le sette emozioni primarie individuate da Ekman vengono espresse nel momento in cui le proviamo attraverso determinati movimenti muscolari del volto. Se proviamo felicità, rabbia, tristezza, paura, sorpresa, disgusto o disprezzo, lo esprimiamo con il nostro viso. Read the rest of this entry »