La tristezza è un sentimento di sofferenza. Quando si è tristi si soffre, ma non fisicamente. E’ un sentimento passivo, non viene espressomimica_facciale_tristezzaattraverso pianti e lamenti, ma possiamo riconoscere una persona triste attraverso la mimica facciale e i cambiamenti a livello fisiologico della postura. Una persona triste avrà la tendenza ad incurvarsi, il capo chino, le spalle scendono curvate in avanti, ogni parte del corpo è molle come abbandonata a se stessa. La tristezza, e differenza delle altre emozioni primarie può durare per giorni o mesi.

Per quanto riguarda la mimica facciale, la tristezza compare sul volto intervenendo sulle tre aree principali del viso. La mimica della tristezza si verifica principalmente attraverso i movimenti muscolari della parte superiore del volto, coinvolgendo fronte e sopracciglia. Nella tristezza le sopracciglia sono ravvicinate e gli angoli interni si sollevano e si solleva anche l’angolo interno della palpebra superiore che segue il movimento delle sopracciglia stesse. La bocca invece perde tono muscolare e i suoi angoli saranno piegati all’ingiù.

Nel video estratto dal canale YouTube Microespressioni possiamo vedere un esempio della mimica della tristezza.

Al secondo “19 possiamo notare l’espressione i tristezza sul volto della bambina, in particolare nella parte alta del volto. Infatti le sopracciglia sono ravvicinate e con gli angoli interni sollevati, e lo stesso movimento è seguito dagli angoli interiori delle palpebre superiori.

La tristezza può variare di intensità. Ad un sentimento è più lieve corrisponderà un minore coinvolgimento delle aree facciali, se l’emozione sarà più intensa, allora le aree del volto saranno maggiormente coinvolte e marcate. La tristezza si può mescolare a diverse emozioni: con la paura, con la rabbia, ma anche con il disgusto e la felicità.

Vuoi saperne di più su questo argomento? Visita il sito www.formazionepersonale.it  alla sezione calendario e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali nella tua città!

 

Leave a Reply