Scoprire se una persona ci sta mentendo, non è un’impresa facile. Nella comunicazione, in particolare quando vogliamo cercare dimenzogna_microespressioni capire le intenzioni dei nostri interlocutori, entrano in gioco tantissimi fattori. Una delle situazioni più delicate è quella in cui cerchiamo di capire se la persona con la quale ci confrontiamo è sincera con noi o se ci sta mentendo. Prima di puntare il dito con un’accusa chiara dobbiamo essere in grado di analizzare con attenzione tutti gli elementi che abbiamo a disposizione.

Oltre ai segnali non verbali derivanti dalle microespressioni facciali, dai movimenti del corpo, degli occhi e dall’interazione tra le mani e il volto, dobbiamo pensare a quanto conosciamo la persona che ci sta davanti.

Certamente è più facile riconoscere una bugia detta da una persona che conosciamo piuttosto che riconoscere la menzogna di un estraneo. Quindi, la prima cosa da fare è conoscere quali sono i comportamenti della persona che abbiamo di fronte in uno stato di tranquillità. Per capire allora se un  persona è sincera oppure sta mentendo il primo elemento da tenere in considerazione è il cambiamento del comportamento. Quando una persona mente i livelli di stress aumentano, di conseguenza l’atteggiamento ne risente e osservare tutto ciò che si discosta dal comportamento abituale di una persona è il primo segnale che comunica un livello di stress o di disagio in aumento. E’ oltre utile chiedersi cosa ha da guadagnare o da perdere quella persona. Maggiore è il rischio della perdita causata dall’essere scoperti a mentire, maggiore sarà la probabilità che il livello di stress aumenti lasciando così trapelare uno o più segnali di menzogna.

Oltre alla variazione nei comportamenti, gli altri segnali da tenere in considerazione e dei quali parleremo nei prossimi post sono: gli occhi, sia per quanto riguarda il contatto con quelli dell’interlocutore, sia per quanto riguarda i movimenti delle ciglia, il movimento di mani e braccia e l’interazione tra mani e volto, i dettagli paraverbali, quindi variazioni nel tono di voce e nella velocità del parlato, le modalità di espressione verbali quando viene posta una domanda ben precisa.

Vuoi approfondire questo argomento? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali “Scopri chi ti mente”!

Leave a Reply