La rabbia, come le altre sei emozioni primarie, può essere espressa in diversi modi, attraverso le parole, i gesti del corpo e le espressioni del facce_rabbia_microespressionivolto. Quando parliamo di espressioni della rabbia sul volto, dobbiamo fare riferimento alle microespressioni facciali.

La mimica della rabbia si manifesta sulle tre zone del viso sopracciglia, occhi e bocca. Quando una persona è realmente arrabbiata le sue sopracciglia sono abbassate e ravvicinate, in una espressione che comunemente definiamo come “aggrottata” e tra di esse compaiono delle rughe verticali. Gli occhi di una persona arrabbiata avranno le palpebre, superiori ed inferiori, tese, lo sguardo fisso e duro. Le sue labbra potranno essere completamente serrate come in una morsa o aperte, tese e squadrate, come quando si urla.

La rabbia, come le altre espressioni, può presentare tante facce a seconda dell’ intensità del sentimento provato, ma anche se si presenta in una mescolanza con un’altra emozione, oppure può sembrare rabbia un’espressione finta, in questo caso osserveremo la mancanza di uno o più segnali mimici che caratterizzano questa emozione. Sul volto di una persona, possiamo intravedere la rabbia, anche se sta cercando di mascherarla o di controllarla.

Andiamo a vedere quali sono le facce della rabbia con l’aiuto di un video estratto dal canale YouTube Microespressioni:

Nel video abbiamo potuto vedere diversi tipi di rabbia, da quella completa a quella finta, dalla rabbia mascherata e controllata fino all’espressione di ostilità. Nel caso della variazione dell’intensità della rabbia, essa può essere misurata in base alla tensione della palpebra, della tensione delle labbra o dell’apertura della bocca.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali!

Leave a Reply