Non solo le microespressioni facciali ma anche gli emblemi, le mescolanze e il linguaggio del corpo sono segnali da prendere in considerazione quando comunichiamo con qualcuno.

Le sette emozioni primarie non sempre compaiono in maniera completa sul volto di una persona. Esse possono presentarsi in maniera parziale, mescolate con le mimiche di altre emozioni o come emblemi cioè segnali che non esprimono una vera e propria emozione ma che accompagnano o completano il discorso.

Gli emblemi sono solitamente segnali convenzionali essi ci possono trarre in inganno quando fanno parte anche dell’espressione di una determinata mimica facciale. Diventa quindi difficile capire se stiamo osservando un’emozione autentica o meno. Felicità, sorpresa, paura, rabbia, tristezza, disgusto o disprezzo, tutte presentano una parte della loro mimica utilizzata come emblema. Ad esempio il sorriso della felicità è spesso utilizzato come cenno di saluto. O nella sorpresa il movimento della bocca e delle sopracciglia sono spesso utilizzati come emblemi nella conversazione. Se pensiamo alle sopracciglia aggrottate della rabbia, non sempre indicano quell’emozione ma possono indice di concentrazione o difficoltà nel mettere a fuoco.

Le mimiche facciali possono essere difficili da individuare quando c’è una mescolanza di due emozioni. Se ad esempio si prova paura ma poi, subito dopo, felicità per lo scampato pericolo potremmo trovarci di fronte ad una mescolanza tra le due emozioni che sono consecutive. Lo stesso accade anche quando si cerca di mascherare un’emozione, quella realmente provata compare sul volto, quella che utilizziamo come maschera compare in maniera parziale.

Infine il linguaggio del corpo ci può aiutare a interpretare meglio i segnali del volto e a completare la parte della comunicazione non verbale. Inoltre il nostro corpo, non solo mostra dei segnali importantissimi, ma interagisce con il volto dando vita a diversi segnali che possono esserci utili per comprendere meglio il nostro interlocutore.

Vediamo un esempio di emblemi, mescolanze e di segnali del corpo dal video estratto dal canale YouTube Microespressioni.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali!

Leave a Reply