Una delle domande che spesso ci facciamo è come fare a riconoscere i bugiardi? Molti di noi, la maggior parte delle volte che si interfacciano con qualcuno, scoprire_bugiardo copiasono concentrati a capire e a chiedersi se quella persona sia onesta e sincera o se ci sta raccontando una bugia.

Riconoscere i bugiardi non è per niente facile, soprattutto se non conosciamo bene la persona con cui stiamo parlando. Esistono comunque dei segnali che possiamo osservare e utilizzare per capire se la persona difronte a noi è sincera o meno. Iniziamo dicendo che la comunicazione viaggia su tre livelli, quello verbale, paraverbale e non verbale. A livello verbale difficilmente possiamo essere in grado di riconoscere un bugiardo anche che ci possono essere alcuni segnali indicativi come la tendenza a raccontare poco o se messo alle strette a fornire più dettagli del necessario, il bugiardo tendenzialmente tende a ripetere le domande per prendere tempo. A livello paraverbale possiamo notare alterazioni del tono di voce e della velocità delle parole, la paura e l’ansia che si prova quado si racconta una bugia hanno ripercussioni sul corpo e sulla voce.

A livello non verbale possiamo notare la scarsità o la totale assenza di gesti delle mani che solitamente accompagnano la conversazione. Un bugiardo tenderà a stare fermo per avere un maggior controllo di se stesso. Lo stesso vale per gli occhi. Lo sguardo diventa un elemento fondamentale per riconoscere un bugiardo. I movimenti oculari (LEM) possono svelarci in base al movimento degli occhi a quale area dei ricordi la persona sta accedendo, e quindi comprendere se sta raccontando un fatto realmente ricordato o una storia inventata sul momento.

Ma la parte del nostro corpo che maggiormente può farci capire se una persona ci sta mentendo o meno è il volto. Gli studi fatti da Paul Ekman ci dimostrano che chi mente può essere tradito da movimenti involontari dei muscoli facciali, a causa di una forte emozione alla base. Il nostro volto ci tradisce quando proviamo un’emozione legata alla menzogna e ciò accade perché non abbiamo il totale controllo dei muscoli facciali soprattutto quelli facciali superiori. Sono quindi le microespressioni facciali la chiave per capire se una persona ci sta mentendo o se è sincera. Individuare e decodificare le microespressioni facciali non sempre è facile, sono rapidissime e compaiono in maniera improvvisa e inaspettata sul volto. Per essere in gradio di riconoscerle è necessario studiarle ed essere allenati.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali.

Allenati sul canale YouTube Microespressioni!

Leave a Reply