Come si fa a riconoscere l’espressione della tristezza? Prima di capire quali sono i tratti distintivi dell’emozione della tristezza, cerchiamo di capire meglio questa emozione. Innanzitutto la tristezza è un’emozione passiva, quando proviamo tristezza difficilmente siamo reattivi, il nostro corpo rispecchia completamente lo stato d’animo, le spalle si incurvano e tutti i muscoli del nostro corpo tendono ad essere molli e a perdere tono. Possiamo provare tristezza a causa di diversi eventi, ma ciò che in particolare scatena questa emozione è la perdita. La tristezza è un’emozione che può causare una grandissima sofferenza, non fisica ma mentale, emotiva.

La mimica della tristezza si presenta sulle tre zone del volto: sopracciglia, occhi, bocca. La mimica della tristezza presenta gli angoli interni delle sopracciglia sollevati. la fronte appare lievemente corrugata per effetto del movimento delle sopracciglia. Sempre in seguito a tale sollevamento delle sopracciglia gli angoli interni della palpebra superiore assumono una forma triangolare. Gli angoli della bocca sono piegati in giù, talvolta le labbra possono tremare come a precedere il pianto.

Analizziamo la mimica della tristezza con l’aiuto di un video estratto dal canale YouTube Microespressioni:

Al secondo”8, possiamo notare l’espressione della tristezza sul volto del personaggio del video, in particolare espressa nella zona alta del volto.

La mimica della tristezza può mescolarsi con altre emozioni come la paura. la rabbia, il disgusto e la felicità, vedremo tendenzialmente la tristezza espressa nella parte superiore del volto mentre il resto del viso esprimerà prevalentemente l’altra emozione.

Vuoi saperne di più su questo argomento? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali!

 

Leave a Reply