Come si fa a capire quando una persona mente? Esistono i pessimi bugiardi e i bravi bugiardi ma capire davvero quando una persona ci mente non è sempre semplice. Spesso ci affidiamo solo alle parole e diamo per scontato o non prestiamo attenzione ai gesti del corpo e ai segnali del viso del nostro interlocutore. In realtà, come abbiamo già visto il nostro corpo è in grado di fornire moltissime informazioni quando parliamo ed è in grado di tradirci quando stiamo mentendo. Ma quali sono i segnali non verbali che ci possono aiutare a capire se una persona è sincera con noi o se ci mente? I segnali di menzogna sono molteplici e spesso sono legati a gesti che servono a scaricare la tensione che si prova nel dire una bugia.

Se vogliamo capire se il nostro interlocutore ci sta mentendo oltre ad ascoltare le sue parole, dobbiamo osservare con attenzione i movimenti del corpo o del volto. Se rispondendo ad una domanda cruciale notiamo che i suoi gesti indicano forte tensione, come grattarsi il naso, il mento o se gioca nervosamente con oggetti, probabilmente ci sta dicendo una bugia. Un altro elemento che può aiutarci a scoprire se il nostro interlocutore mente o dice la verità è la congruenza tra verbale e non verbale. Se rispondendo ad una nostra domanda con le parole dice no ma con il capo annuisce, è chiarissima l’incongruenza tra i due livelli. Ricordiamoci che i gesti del corpo sono inconsapevoli e sono quelli che danno la voce al nostro inconscio, sono quindi veritieri. Anche osservando  la mimica del volto e le microespressioni facciali possiamo individuare segnali di menzogna. I movimenti degli occhi sono significativi, ad esempio quando rivolgiamo lo sguardo in alto a destra stiamo accendendo al lobo creativo del nostro cervello, quindi stiamo inventando. Anche la variazione della dilatazione delle pupille può essere un segnale di menzogna, anche se molto difficile da cogliere e facilmente influenzabile da fattori esterni (ad esempio la variazione della luce).

Osservando la mimica del volto e del corpo un segnali utile per individuare la menzogna è l’asimmetria delle espressioni. Se notiamo che la faccia del nostro interlocutore non è simmetrica nell’assumere una forma, molto probabilmente sta cercando di fingere un’espressione, magari per fingere di provare qualcosa che in realtà non prova. Lo stesso vale per la scrollata di spalle asimmetrica. Se la persona con cui parliamo alza una sola spalla in più rispetto all’altra, questo significa “non ho fiducia in quello che ho detto”, probabilmente sta mentendo.

Guarda il video estratto dal canale YouTube Microespressioni!

Al secondo “21 possiamo notare una scrollata asimmetrica della spalla destra!

Vuoi saperne di più? Richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali!

Leave a Reply