Il nostro volto, grazie alla grande quantità di muscoli che lo compongono è capace di veicolare un’incredibile quantità di emozioni. Attraverso leespressioni_emozionali espressioni emozionali sul nostro volto siamo in grado di trasmettere segnali e messaggi. Gli studi condotti da Charles Darwin teorizzarono la funzione sociale dei muscoli facciali, gli esseri umani sono capaci fin dalla nascita di trasmettere agli altri, attraverso il linguaggio non verbale, le emozioni realmente provate. In seguito gli studi di Paul Ekman, che ha analizzato in maniera approfondita le espressioni del volto di diverse popolazioni e culture, sono arrivati alla conclusione che tutti quanti utilizziamo le medesime mimiche espressive per esprimere le stesse emozioni.

Ad oggi lo studio delle espressioni emozionali individua sette emozioni primarie che si possono individuare sul volto di un individuo: rabbia, disgusto, disprezzo, felicità, tristezza, paura e sorpresa. L’universalità delle emozioni dipende dal fatto che esse hanno radici biologiche e non hanno quindi bisogno di essere apprese con la cultura, lo studio o l’esperienza. Partendo da queste teorie Ekman ha elaborato un modello scientifico attraverso il quale è possibile, partendo dall’osservazione del volto di un individuo, capire le emozioni che sta sperimentando, il F.A.C.S. Facial Action Coding System. Osservando il volto di una persona possiamo individuare diversi segnali:

- le emozioni;
- gli emblemi che sono i simboli che derivano dalla cultura di appartenenza (come fare l’occhiolino)  - i segnali manipolatori, cioè i gesti di automanipolazione come sfiorare o mordersi le labbra;

- segnali illustratori, ossia quelli eseguiti per accompagnare o sottolinerare il discorso verbale;
- i segnali regolatori che sono segnali di mediazione rispetto alla comunicazione non verbale come annuire o sorridere.

Imparare a riconoscere i movimenti involontari del viso che durano una frazione di secondo e che sono difficilmente controllabili dalle persone è una risorsa importantissima per riuscire a comunicare efficacemente con i nostri interlocutori ed essere in grado di comprenderli meglio, o capire se ci mentono o se sono sinceri con noi.

Vuoi saperne di più sulla mimica facciale? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali.

Accedi al canale YouTube Microespressioni e guarda i video dedicati alla mimica facciale!

Leave a Reply