A breve inizierà un nuovo corso di microespressioni facciali a Milano l’11 – 12 – 13 gennaio. Il primo corso dell’anno nuovo affronterà la tematica del riconoscimento delle espressioni del volto e della mimica facciale. Se ti sei mai chiesto cosa stesse realmente pensando o provando il tuo interlocutore, ecco che con la mimica facciale puoi imparare a comprendere attraverso l’osservazione dei movimenti muscolari, quali sono le emozioni provate dalla persona che ti sta davanti.

L’obiettivo del seminario è quello di acquisire le capacità di decodifica delle microespressioni e delle espressioni facciali e di essere in grado di applicare in ogni area della vita quotidiana.Inoltre al corso di microespressioni facciali ogni partecipante imparerà a gestire gli aspetti non verbali del parlato, a conoscere le sette emozioni primarie e a capire come comportarsi in seguito al riconoscimento di una di queste. Inoltre sarà possibili imparare a riconoscere gli elementi identificativi della bugia.

Ognuna delle sette emozioni primarie: felicità, sorpresa, paura, rabbia, tristezza, disgusto e disprezzo, verrò studiata e analizzata nello specifico, a partire dalla descrizione dell’emozione stessa, di quali sono gli eventi che possono scatenarla, quali sono le principali caratteristiche anche dal punto di vista del linguaggio del corpo e della fisiologia. Come ogni emozione compare sul volto attraverso l’utilizzo del F.A.C.S., e quali sono le varianti e gli emblemi di ciascuna emozione facciale.

Grazie all’estrema praticità del corso, sarà possibile testare in aula le proprie capacità di riconoscimento e di decodifica delle microespressioni facciali, e fare costante esercizio anche con il supporto di video reali.

Vuoi saperne di più sul corso di Microespressioni facciali a Milano o partecipare nelle sedi di Genova e Roma? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali.

Accedi al Canale YouTube Microespressioni e guarda i video sulla mimica facciale.

Leave a Reply