Nel post precedente abbiamo parlato della menzogna e di quali sono i vantaggi, svantaggi e i modi di mentire. Mentire non è semplice. mentire_sentimentiNella maggior parte dei casi il bugiardo viene preso alla sprovvista e quando si trova a dover mentire deve scegliere se falsificare o dissimulare la realtà o mentire sui sentimenti che prova. Sull’atto del mentire gravano poi i sentimenti della menzogna. Come abbiamo già visto in precedenza, i nostri sentimenti, le emozioni, indipendentemente dalla loro natura, nascono in maniera spontanea e naturale. Possiamo cercare di reprimere un’emozione più o meno forte, cercare di nasconderla dietro un sorriso ad esempio, ma ci sarà sempre un gesto del corpo o un’espressioni del volto pronta a tradirci. Infatti attraverso l’osservazione e l’interpretazione delle microespressioni facciali, possiamo essere in grado di scorgere sul viso del nostro interlocutore quell’espressione rapida, originata dalle reali emozioni che sta provando.

Come accennato, quando diciamo una bugia, possiamo mentire su un fatto accaduto o sui nostri sentimenti. Ma mentire sui sentimenti è molto difficile. Soprattutto quando proviamo un’emozione intensa facciamo difficoltà a controllarla. Per poter mentire sui nostri sentimenti dobbiamo essere in grado di dissimulare i cambiamenti, quindi le espressioni, del viso, i gesti del corpo e della voce, ciò richiede uno sforzo notevole. Inoltre anche se riusciamo a dissimulare il nostro linguaggio non verbale, il nostro interlocutore potrebbe facilmente notare il nostro sforzo nel controllarci.

Inoltre, lo studio della mimica facciale ci permette di capire che ci sono alcune emozioni che solo in pochi sono in grado di produrre volontariamente a causa della complessità della mimica stessa, Ad esempio rabbia, paura e dolore fanno parte di queste mimiche complesse da simulare. Inoltre se proviamo ad esempio a simulare rabbia mentre proviamo paura, creeremo sul nostro volto dei movimenti contrapposti, l’inganno quindi, sarebbe semplicissimo da individuare.

Ekman poi, nei suoi studi ha individuato alcune emozioni strettamente legate alle menzogna. Quando diciamo una bugia possiamo provare: paura (di essere scoperti) , senso di colpa (per aver mentito), piacere (della beffa). Approfondiremo i sentimenti relativi alla menzogna nel prossimo post.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali.

Leave a Reply