L’osservazione della mimica facciale, può aprirci un mondo intero sul modo di comunicare e su come ciascuno di noi esprime le emozioni provate. In particolare attraverso il volto esprimiamo con naturalezza e in maniera automatica e inconsapevole, le emozioni provate. Esistono sette emozioni che vengono definite primarie e che possono essere individuate sul volto della persona che abbiamo di fronte: rabbia, felicità, tristezza, paura, disgusto, disprezzo e sorpresa.

Oggi andremo a vedere come il volto esprime il disprezzo, anche con l’aiuto di un video. La mimica del disprezzo assomiglia molto a quella del disgusto, ma presentano delle differenze. Tendenzialmente si prova disgusto per oggetti, odori o sapori, mentre si prova disprezzo solitamente per le persone o per il loro comportamento. Quando proviamo disprezzo ci sentiamo superiori alle persone le cui azioni non ci piacciono, ma a differenza di ciò che accade con il disgusto non ci allontaniamo da loro, al contrario cerchiamo di sottolineare la nostra superiorità morale.

La mimica del disprezzo solitamente si manifesta come una variazione della bocca disgustata a labbra serrate. Nella mimica del disprezzo le sopracciglia non sono coinvolte, il naso può essere arricciato, le labbra sono lievemente serrate e un angolo della bocca è sollevato, in particolare il labbro superiore può sollevarsi scoprendo i denti.

Con l’aiuto di un video estratto dal canale YouTube Microespressioni analizziamo la mimica del disprezzo sul volto.

 

Nonostante il fatto che per tutta la durata del video, l’espressione del personaggio appaia sprezzante, probabilmente per le azioni commesse e delle quali sta raccontando, possiamo notare una vera e propria espressione di disprezzo al secondo “20, labbra sono chiuse e possiamo notare il labbro superiore sinistro sollevato in una mimica asimmetrica.

Vuoi saperne di più sulla mimica del disprezzo e su come leggere le altre emozioni primarie? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali.

Leave a Reply