Oggi parliamo di rabbia. Come si manifesta la rabbia completa sul volto? Quali sono le mimiche della rabbia? Come possiamo fare a mimica_rabbia_completariconoscerla osservando il nostro interlocutore? L’emozione della rabbia si manifesta sul volto attraverso tutte e tre le aree del viso, ma a differenza delle altre emozioni, queste aree devono essere attivate tutte contemporaneamente, in caso contrario non si tratta di rabbia completa ma potremmo trovarci davanti ad una mimica parziale, ad un emblema o ad una rabbia finta.

La mimica della rabbia si esprime quindi attraverso l’attività delle tre aree del volto, sopracciglia, occhi e bocca. Nella mimica della rabbia completa le sopracciglia sono abbassate e ravvicinate, possono rimanere orizzontali o inclinarsi verso il basso. Sulla fronte non si formano rughe orizzontali, ma verticali e sono causate dal ravvicinamento delle sopracciglia. Le palpebre si mostrano tese, quella superiore è abbassata, quella inferiore è alzata tanto quanto è intensa la rabbia provata. Le labbra possono essere serrate o possono essere aperte e squadrate.

Analizziamo la mimica della rabbia completa con un video estratto dal canale YouTube Microespressioni:

 

Ecco che al secondo “15 possiamo notare la mimica della rabbia completa sul volto del personaggio del video. Le sopracciglia sono abbassate e ravvicinate e creano due rughe verticali al centro, le palpebre sono tese, la bocca aperta e squadrata con i denti stretti.

Se la mimica con i movimenti della rabbia appare solo su alcune zone del volto e non su tutte e tre contemporaneamente si possono avere delle ambiguità. Se sono attive fronte e palpebre oppure palpebre e bocca allora avremo: lieve irritazione, rabbia mascherata, difficoltà a mettere a fuoco, rabbia controllata. E’ invece impossibile avere attive sono fronte e bocca e palpebre neutre in quanto il movimento delle sopracciglia crea inevitabilmente l’abbassamento delle palpebre.

Vuoi saperne di più su questo argomento? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali.

Leave a Reply