L’importanza della comunicazione efficace diventa sempre più evidente in ogni ambito della nostra vita. Tutta la nostra vita in fondo si comunicazione_efficacebasa sulla nostra capacità di comunicare, in famiglia, con gli amici, a scuola, sul posto di lavoro. Ecco perché è importante imparare a comunicare in maniera efficace, per poter gestire al meglio tutte le nostre relazioni interpersonali, per evitare i conflitti per comprendere e farci comprendere meglio dai nostri interlocutori.

Gli elementi che influiscono sulla nostra comunicazione sono molteplici. Quando ci interfacciamo con qualcuno dobbiamo essere in grado di gestirci da differenti punti di vista, non solo ponendo la nostra attenzione sul nostro linguaggio, ma anche concentrandoci sul linguaggio non verbale o su come sappiamo gestire gli spazi con il linguaggio del corpo.

Ad esempi, un elemento fondamentale della comunicazione è lo spazio. Esiste un’area della Pnl chiamata prossemica. Secondo la prossemica ci permette di comprendere quali distanze dobbiamo tenere dal nostro interlocutore in base al tipo di relazione che esisite. Esistono diversi tipi di distanze fisiche, che vengono definita e misurate in quattro differenti zone interpersonali:distanza intima (0-45 cm), distanza personale (45-120 cm), distanza sociale (1,2-3,5 metri), distanza pubblica (oltre i 3,5 metri).

Come già sottolineato in precedenza anche la gestualità assume un ruolo fondamentale nelle nostre comunicazioni. Con i gesti possiamo essere in grado di rafforzare e sottolineare il parlato, creare ancoraggi, ma anche trasmettere effettivamente un messaggio che arriva dritto all’inconscio del nostro interlocutore.

Altro elemento, che ha a che vedere con il linguaggio verbale, invece, sono i filtri sensoriali: visivo, auditivo e cinestesico. Un buon comunicatore deve essere in grado di individuare quale filtro è preferito dal suo interlocutore e utilizzarlo per fare in modo che la comunicazione avvenga in maniera diretta e senza incomprensioni.

Se sappiamo cogliere e interpretare il linguaggio non verbale del nostro interlocutore saremo in grado di comprendere le sue reali sensazioni, osservandone non solo i gesti o la postura ma anche la mimica facciale.

Vuoi saperne di più su questo argomento? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario in Comunicazione Avanzata.

 

Leave a Reply