Nel post di oggi parleremo della mimica della tristezza, di come essa si esprime attraverso il volto e delle possibili mescolanze che si possono mimica_tristezzacreare tra questa emozione e le altre emozioni primarie. La tristezza, lo sappiamo è un sentimento di sofferenza. La mimica della tristezza è attiva principalmente in due zone del volto: le sopracciglia e la bocca. Le sopracciglia nella mimica della tristezza sono ravvicinate e gli angoli interni sono sollevati. Anche l’angolo della palpebra superiore appare sollevato a causa del movimento delle sopracciglia che lo trascinano verso l’alto. La bocca nella mimica della tristezza può apparire con gli angoli verso il basso oppure con le labbra allentate e leggermente tremolanti come a precedere il pianto. La tristezza varia d’intensità, da una lieve malinconia si può arrivare all’estremo dolore. Un’intensità minore sarà rappresentata dal minore coinvolgimento delle aree facciali.

Ecco un video estratto dal canale YouTube Microespressioni

Cosa noti? Al secondo “11 possiamo notare un’espressione di tristezza. Le sopracciglia sono ravvicinate e gli angoli interni leggermente sollevati. Le labbra sono allentate, anche se non tremolanti. In questo caso siamo di fronte ad una espressioni di tristezza mascherata, o meglio il personaggio tenta di mascherare la tristezza sentita, utilizzando toni, gesti e parole che mostrano rabbia.

La tristezza si può mescolare con le altre emozioni primarie. Avremo quindi una mescolanza tra tristezza e paura dove le  sopracciglia e le palpebre sono quelle della tristezza unite alla bocca della paura, tale mimica si presenta quando il dolore è presente oppure imminente, spesso precede il grido di dolore. Oppure una mescolanza tra tristezza e rabbia dove le  sopracciglia e gli occhi saranno tipici della tristezza mentre la bocca esprimerà rabbia, spesso è utilizzata per mascherare la tristezza con la rabbia, oppure può significare un’espressione triste, ma decisa. Possiamo avere una mimica di tristezza mista a disgusto con fronte, sopracciglia e palpebra superiore della tristezza e palpebra inferiore e bocca disgustate. Infine una mimica mista tra tristezza e felicità con fronte e sopracciglia della tristezza e bocca della felicità.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali.

Leave a Reply