Nel post di oggi vedremo quali sono i gesti e i movimenti del corpo nella Pnl. Il linguaggio non verbale, assume un’importanza gesti_movimenti_corpofondamentale nel processo comunicativo. Anzi più che le parole in nostro inconscio percepisce con maggiore facilità i messaggi non verbali.  Buona parte dei movimenti del corpo sono involontari e legati all’emozione che si prova al momento; altri accompagnano il discorso, lo sostituiscono o lo completano. Possiamo distinguere i gesti e i movimenti del corpo in differenti categorie.

La prima categoria è quella degli emblemi. Gli emblemi sono atti non verbali che hanno una traduzione verbale immediata, quindi un significato concordato. La funzione degli emblemi è quella di ripetere, sostituire, il discorso che accompagnano. Gli emblemi possono prendere il posto delle parole qualora non si riesca a parlare ad esempio a causa del rumore o dalla distanza. Gli emblemi spesso vengono prodotti consapevolmente. Gli emblemi sono gesti che si acquisiscono nell’ambito di una data cultura.

Ci sono poi i gesti illustratori che sono direttamente collegati il discorso e servono ad illustrare ciò che viene detto: solitamente vengono prodotti in contemporaneità con il discorso. Esistono diversi tipi di gesti illustratori. Le bacchette: si tratta di movimenti che battono il tempo, accentuando e enfatizzando particolari parole o frasi. I movimenti ideografici: sono segnali che indicano la direzione del pensiero. I movimenti deiettici: indicano qualcosa o qualcuno che si trova davanti o attorno a noi. I movimenti spaziali: descrivono una relazione spaziale. I movimenti cinetografici: sono movimenti che illustrano un’azione del corpo. I movimenti pittografici: delineano una silhouette di ciò a cui ci si sta riferendo. I gesti illustratori hanno solitamente uno scopo informativo.

I gesti regolatori sono azioni che mantengono e regolano l’alternarsi dei turni di conversazione.I regolatori Sono eseguiti in maniera inconsapevole e abituale, secondo delle regole apprese anch’esse in modo inconscio.I gesti adattatori servono a soddisfare bisogni psichici o fisici o per esprimere emozioni atte a mantenere o sviluppare contatti personali.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario in Comunicazione Avanzata e Pnl.

 

Leave a Reply