Internazionalizzare l’università italiana, uno degli obiettivi principali dei direttori di alcuni atenei nazionali. Allora nascono i corsi di medicina_ingleselaurea in Medicina in lingua inglese.

Sono gli Atenei di Bari, di Milano, di Pavia, di Roma “La Sapienza”, di Roma “Tor Vergata” e della Seconda Università di Napoli che svolgono il corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia svolto in lingua inglese.  A Milano anche l’ateneo privato Vita-Salute San-Raffaele.

I test di ammissione ai corsi di laurea in Medicina in lingua inglese per l’anno accademico 2012-2013 si terranno oggi, mercoledì 5 settembre, le iscrizioni si sono chiuse ufficialmente lo scorso 22 agosto. Sono 4.332 candidati che concorreranno per i 130 posti disponibili. E quest’anno per la prima volta il test di Medicina in inglese si farà in 9 paesi (Italia, Argentina, Brasile, Cina, Germania, Gran Bretagna, India, Polonia e Stati Uniti).

I corsi sono interamente in inglese, tutti e sei gli anni. Un modo efficace per preparare i nostri futuri medici ad entrare in un mondo globalizzato, ma anche con l’obiettivo di attirare studenti e docenti dall’estero. Infatti i corsi di laurea magistrale in medicina e chirurgia, se pur aperti ad un numero ristretto di candidati, riservano posti agli studenti stranieri in un numero percentuale ben più alto rispetto ai posti dei corsi di laurea in medicina in lingua italiana.

L’obiettivo dei presidi di facoltà è formare professionisti che siano competitivi anche al di fuori dei confini nazionali, inoltre puntare a costruire una rete internazionale di università di eccellenza in cui  la formazione dei futuri medici sia omologata. I vantaggi di tutto questo li possiamo vedere da noi. L’inglese è la lingua della ricerca, oltre ad essere la più parlata al mondo. Essere in grado di comunicare con professionisti provenienti da tutte le parti del globo, sapendo utilizzare termini specifici, si intende, non può fare altro che rendere più professionale la figura del medico e inoltre può portare più menti a lavorare a progetti comuni.

Insomma, i nostri ragazzi avranno così un’opportunità in più per farsi largo nel mondo del lavoro ed aspirare ad obiettivi sempre più elevati.

www.formazionepersonale.it

www.scuolaempedocle.it

Leave a Reply