Continuiamo il nostro percorso nel mondo delle Microespressioni facciali e della mimica facciale. Oggi vedremo come riconoscere la tristezza mimica_tristezzaespressa sul volto, con il supporto di un video. La prima cosa da sapere sull’emozione della tristezza, è che è un sentimento di sofferenza, che si differenzia però dal dolore. Il dolore è facilmente riconoscibile perché accompagnato spesso da pianto o da lamenti. La tristezza invece è un sentimenti interiore, è difficilmente visibile, è un sentimento che logora la persona dall’interno.

La mimica della tristezza si verifica principalmente attraverso i movimenti muscolari della parte superiore del volto, quindi coinvolge e sopracciglia e la fronte. Quando si prova tristezza le sopracciglia sono ravvicinate e gli angoli interni si sollevano. La mimica della tristezza può essere confusa con quella della paura. Nella mimica della paura le sopracciglia sono ravvicinate, ma sono tutte sollevate, non solamente gli angoli interni.  In aggiunta alle sopracciglia, nella tristezza si solleva anche l’angolo interno della palpebra superiore che segue il movimento delle sopracciglia stesse.

Ecco un video, direttamente dal canale YouTube Microespressioni, dove possiamo identificare l’espressione della tristezza:

Per quanto riguarda il movimento della parte superiore del volto, se l’espressione si verifica solo nelle sopracciglia e nella palpebra superiore, lasciando così la bocca neutra, questa mimica sta a indicare una lieve tristezza o il tentativo di nascondere un sentimento molto forte. Se, in aggiunta a questa mimica si solleva anche la palpebra inferiore avremo invece un’emozione più intensa.

Per quanto riguarda la mimica della parte inferiore del volto invece, la bocca più fare due tipi di movimenti. Nel primo vedremo gli angoli rivolti verso il basso. Nel secondo invece le labbra sono allentate, tipico di quando la bocca trema a causa del pianto imminente.

La tristezza può mescolarsi con le altre emozioni.

Tristezza – paura: sopracciglia e palpebre tristi unite alla bocca della paura.

Tristezza – rabbia: sopracciglia e occhi tristi, bocca da rabbia.

Tristezza- disgusto: fronte, sopracciglia e palpebra superiore tristi, palpebra inferiore e bocca disgustate.

Tristezza – felicità: fronte e sopracciglia da tristezza, bocca da felicità.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario in Microespressioni facciali.

Leave a Reply