Il nostro volto è una macchina tremendamente complessa, che trasmette in maniera inconscia i nostri pensieri e le nostre sensazioni. Il primo nella storia ad affrontare l’argomento delle espressioni facciali fu Charles Darwin. Dopo moltissimo tempo, le teorie di Darwin vengono confermate e approfondite da Paul Ekman psicologo americano Ekman ha studiato e approfondito le teorie di Darwin esaminando tutti i movimenti impercettibili che i muscoli del nostro volto compiono inconsciamente ed elaborando un modello per poter leggere e interpretare la mimica facciale e le microespressioni facciali.

Quindi alla domanda “come leggere le espressioni del volto?” possiamo trovare finalmente una risposta. Ekman ha sperimentato le teorie sulla mimica facciale studiando alcuni gruppi indigeni della Nuova Guinea, e culture occidentali moderne, che le espressioni di rabbia, disgusto, felicità, tristezza, paura e sorpresa sono identiche. La mimica facciale è una materia estremamente complessa. Essendo i movimenti lievi ed impercettibili , inizialmente risulta più complesso notare i movimenti mimici del volto. Come leggere le espressioni del volto?Ekman ci propone diverse chiavi di lettura della mimica facciale per permetterci di capire meglio il nostro interlocutore, comprendere i suoi sentimenti e emozioni e capire se è sincero con noi o se ci sta mentendo. La lettura della mimica facciale subisce l’influenza di tre fattori: il tempo, ossia la durata dell’espressione, la collocazione nel discorso, infine il fatto che l’espressioni sia o meno simmetrica sul volto. Oltre ai fattori che influenzano la lettura delle espressioni del volto, dobbiamo imparare anche a riconoscere quali sono i differenti movimenti dei muscoli facciali che corrispondono ad ogni singola emozione. Al corso di Microespressioni facciali è possibile imparare a collegare in maniera corretta le unità di azione muscolare, espresse in una determinata combinazione, con l’emozione corrispondente. Ogni partecipante avrà così la possibilità di sperimentare il riconoscimento delle microespressioni facciali attraverso esercitazione pratiche. Avrà inoltre la possibilità di comprendere quali strategie linguistiche adottare quando si presenta una determinata emozione. Per saperne di più su come leggere le espressioni del volto visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Microespressioni facciali.

Leave a Reply