Ecco che ritorniamo a parlare di Microespressioni facciali. Menzogna e verità, come scoprirle? E’ una domanda che ognuno di noi si sarà microespressionifatto centinaia di volte. Siamo tutti desiderosi di sapere se la persona che abbiamo davanti è sincera con noi oppure no. Beh non serve più la sfera di cristallo che tanto abbiamo desiderato, basta imparare a leggere la mimica del volto. Da pochi anni in Italia esplode proprio il “fenomeno” delle microespressioni facciali. Anche se più che un fenomeno è una scienza provata, testata e veritiera, frutto di decine di anni di studi da parte di Paul Ekman e del suo staff. Le frontiere della comunicazione avanzata, quindi, si allargano sempre di più. Non ci sono più segreti, se lo vogliamo. Chi si occupa di comunicazione efficace, sa che oltre il 90% della nostra comunicazione non avviene attraverso le parole ma attraverso il linguaggio non verbale e paraverbale.

Contano dunque il tono di voce con il quale ci esprimiamo, contano i gesti che facciamo, conta la postura che abbiamo e ancora di più contano le espressioni del nostro volto. Insomma “te lo leggo in faccia” non è solo più un modo di dire, ma una realtà. Possiamo dunque imparare a leggere sul volto dei nostri interlocutori cosa stanno realmente provando? Ebbene si, ovviamente con un po’ di studio e allenamento e cercando di migliorare la nostra attenzione  e sensibilità. Le microespressioni facciali sono una serie di movimenti, quasi impercettibili, lo dice il nome stesso, dei muscoli del nostro volti. Ogni specifica combinazione di microespressioni esprime una determinata emozione. Ekman, nei sui studi, ha individuato sei emozioni primarie, che sono universali, cioè che sono uguali per ognuno indipendentemente dalla cultura di appartenenza. Tali emozioni sono: felicità, rabbia, tristezza, disprezzo, paura, sorpresa. Ha poi approfondito il tema della menzogna, che sembra stuzzicare particolarmente l’interesse dell’essere umano, sempre alla ricerca della verità.

Ognuna di queste emozioni quindi traspare attraverso il nostro volto tramite le nostre espressioni. Con un corso di Microespressioni facciali possiamo imparare a riconoscerle. L’obiettivo non è solo svelare la menzogna, ma anche capire realmente cosa il nostro interlocutore prova, capire che emozioni sta vivendo un nostro caro per poterlo comprendere meglio e aiutarlo.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario in Microespressioni facciali.

Direttamente dal canale You Tube Microespressioni ecco un nuovo video!

Leave a Reply