Leggere le emozioni..che invidia!!! Parliamo ancora di emozioni e di microespressioni facciali. Oggi parleremo dell’emozione dell’invidia.  L’invidia è un sentimento nei confronti di un’altra persona o gruppo di persone che possiedono qualcosa, anche solo metaforicamente che l’invidioso non possiede. L’invidioso prova un desiderio ambivalente: desidera possedere ciò che gli altri hanno oppure desidera che gli altri perdano ciò che hanno. L’invidioso vive nel confronto tra la propria situazione quella degli altri. L’invidia è solitamente caratterizzata da una bassa autostima e da una esagerata valutazione degli ostacoli e delle difficoltà. Spesso il soggetto invidioso possiede delle buone qualità ma non le considera sufficienti e si ritiene un incapace. Può avere radici molto profonde nella personalità del soggetto. Può essere stata causata da una mancanza di affetto in passato, da un’eccessiva competitività o da dei desideri che sono stati frustrati. L’invidia fonda le sue basi nell’incapacità di vedere gli altri a prescindere da se stessi. L’invidioso è quindi un individuo generalmente frustrato, ossessivo, manipolatore, con pochi scrupoli e talvolta ipocrita. Uno dei comportamenti tipici dell’invidioso è il disprezzo dell’oggetto invidiato o della persona invidiata. L’invidioso nel tentativo di sminuire l’oggetto o la persona invidiati può assumere atteggiamenti aggressivi, può arrivare al punto di umiliare in pubblico la persona oggetto della sua invidia a costo di umiliare anche se stesso. Siamo soliti essere invidiosi degli individui del nostro stesso sesso. Esistono alcune differenze tra l’invidia provata dagli uomini e quella provata dalle donne. L’uomo tende a provare invidia per aspetti economici, politici, patrimoniali, professionali, culturali, intellettivi, sessuali e, in generale, su tutto ciò che rende un uomo più potente di un altro. Le donne invece provano solitamente invidia per chi considera più avvenente e capace di sedurre. L’invidia può essere spesso confusa con l’avidità che è il desiderio di possedere dei beni materiali, che appartengano o meno ad altri, poco importa.

Riconoscere l’invidia sul volto del nostro interlocutore non è molto semplice, per questo motivo ci rifacciamo ai comportamenti piuttosto che all’osservazione della mimica. L’individuo invidioso comunque tende ad avere sempre uno sguardo verso il basso e un’espressione simile a quella della rabbia.

Vuoi saperne di più? Richiedi informazioni sul sito www.formazionepersonale.it sul seminario in “Microespressioni facciali”

Leave a Reply