Vuoi sapere cosa prova veramente il tuo interlocutore? Vuoi capire meglio i sentimenti della persona che ti sta di fronte? Vuoi sapere se la persona che hai davanti ti sta mentendo o se ti sta dicendo la verità? Riconoscere le microespressioni, ossia le espressioni del volto involontarie che ognuno di noi mostra quando prova una determinata emozione, significa riuscire a comprendere la mimica del nostro interlocutore, e quindi ciò che realmente la persona prova in un determinato momento, indipendentemente da ciò che sta dicendo. Le emozioni che proviamo vengono manifestate inconsciamente dal nostro corpo, quindi attraverso il livello non verbale. Ma il volto è la parte del nostro corpo più espressiva. Ognuno di noi esprime le proprie emozioni attraverso il movimento dei muscoli facciali. La mimica facciale delle emozioni esprime molto chiaramente l’emozione provata, in maniera praticamente inequivocabile. Le espressioni del volto coinvolgono principalmente tre aree del viso: la bocca, la fronte e le sopracciglia, il naso e gli occhi. Le differenti combinazioni dei movimenti muscolari del volto riconducono alla lettura di espressioni differenti e quindi di emozioni differenti. Le microespressioni facciali, sono difficilmente individuabili ad un occhio inesperto, in quanto la loro durata è pari ad un quinto di secondo. Con un Corso di Microespressioni facciali è possibile imparare a riconoscere le espressioni e le microespressioni del volto e quindi comprendere l’emozione ad essa associata. Perché le microespressioni risultano essere così affidabili? Proprio perché come tutti i segnali del corpo, anche i movimenti del volto sono assolutamente involontari, spontanei e quindi veritieri. Quale è il vantaggio di conoscere le microespressioni facciali? Sicuramente un vantaggio è quello di migliorare la propria comunicazione. Riuscire a comprendere meglio il nostro interlocutore, capire verso quale direzione indirizzare la nostra comunicazione.
Vuoi saperne di più su questo argomento? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul corso in Microespressioni facciali.

Accedi al canale YouTube Cordua Formazione e guarda il video di presentazione del corso in Microespressioni facciali.

2 Responses to “Riconoscere le microespressioni”

  • [...] le Microespressioni facciali. Ma cosa sono? E come è possibile imparare a conoscere o meglio a riconoscere le microespressioni? Le microespressioni facciali sono espressioni che compaiono sui nostri volti e che esprimono una [...]

  • [...] Esplode il fenomeno delle Microespressioni facciali. Ma cosa c’è di vero? Possiamo scoprire veramente che ci mente semplicemente osservando i suo volto? E in che modo? La serie televisiva Lie to Me le ha portate in Italia, ma la realtà è che Paul Ekman ha studiato le Microespressioni per oltre 40 anni. Gli studi di Ekman ci portano a comprendere che il linguaggio del volto, cioè i movimenti muscolari e le emozioni ad essi collegati, hanno origini biologiche. Le Microespressioni costituiscono una parte importante della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo. Ma quale è lo scopo di imparare a leggere le emozioni sul volto del nostro interlocutore e riconoscere le Microespressioni? [...]

Leave a Reply