Nel post di oggi analizzeremo i due tipi di memoria che utilizziamo quando abbiamo bisogno di apprendere e memorizzare delle informazioni. memoriaSia che si tratti di semplici informazioni della vita quotidiana, sia che si tratti di nozioni da studiare e memorizzare, nel passaggio tra acquisizione dell’informazione e sedimentazione della stessa, intervengono due tipi di memoria: la memoria e breve termine e la memoria a lungo termine. Ma che cosa sono e in che modo agiscono? Prima di tutto descriviamo la memoria come la capacità del nostro cervello di raccogliere e archiviare informazioni, per poi poter accedere ad esse. Senza la memoria non saremmo in grado di utilizzare i nostri sensi e quindi non potremmo ad esempio vedere, ascoltare e neppure pensare. Quando acquisiamo e memorizziamo un’informazione, questa passa prima attraverso la memoria a breve termine per poi arrivare alla memoria a lungo termine. Vediamo come. La memoria a breve termine (lo dice anche il nome) è quella che ci permette di mantenere un ricordo per poco tempo. Nella memoria a breve termine si verifica un rapido deterioramento delle informazioni. L’informazione che arriva alla memoria a breve termine, se non è oggetto di attenzione, comincia subito a cancellarsi. La capacità della memoria a breve termine è quindi limitata, se un’informazione non viene quindi ripetuta con sufficiente frequenza, scompare. La memoria a breve termine è insomma quella che ad esempio ci permette di ricordare un numero dettato al telefono per il tempo che impieghiamo a scriverlo su un foglio. L’informazione viene conservata nella memoria a breve termine finché non è trasferita nella memoria a lungo termine o finché non è rimpiazzata da una nuova. La memoria a lungo termine al contrario, ci consente di ricordare un’informazione per un lungo periodo, anche per tutta la vita. La memoria a lungo termine si considera essere virtualmente illimitata, ma la riattivazione di un’informazione può essere impedita dall’incompletezza delle associazioni necessarie alla sua identificazione. Al corso di memoria C.I.A.O. viene dedicata una parte proprio al passaggio delle informazioni dalla memoria a breve termine alla memoria a lungo termine. I ripassi progressivi sono un passaggio fondamentale per trasferire le informazioni nella memoria a lungo termine.
Vuoi saperne di più su questo argomento? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario “C.I.A.O. Corso In Apprendimento Organizzato”

Leave a Reply