Le espressioni del viso sono fondamentali per interpretare i messaggi delmicroespressioni corpo. Microespressioni linguaggio del corpo vanno di pari passo. Conoscerli, saperli interpretare, imparare ad utilizzarli in base alle situazioni, assume un’importanze sempre più rilavante nella nostra vita. Sia che si tratti di rapporti lavorativi, che si tratti di rapporti personali e nella vita quotidiana in genere. Conoscere le espressioni relative alla cosiddetta “comunicazione non-verbale” ci può essere utile per avere un quadro più chiaro delle emozioni dei nostri interlocutori. A partire dalla fine degli anni settanta, gli studi effettuati dallo psicologo americano Paul Ekman, ci portano all’esistenza di 6 espressioni facciali che corrispondono alle 6 emozioni primarie: gioia, paura, sorpresa, rabbia, disgusto e tristezza. Tali emozioni e le corrispondenti espressioni del viso, in seguito ad una serie di esperimenti sono risultate essere universali, indipendenti quindi dalla razza o dalla cultura di appartenenza. Ekman elabora inoltre un sistema di codifica di tali espressioni o meglio microespressioni facciali il Facial Action Coding System (FACS). Il FACS ci permette di classificare l’espressione fisica delle emozioni attraverso il riconoscimenti dei movimenti dei muscoli del nostro volto. Lo studio, il riconoscimento e l’interpretazione delle microespressioni facciali vanno però di pari passo insieme alle strategie che la Pnl ci insegna. Quindi il linguaggio del corpo ci aiuta a interpretare le espressioni del volto, ma anche le espressioni del volto possono aiutarci a interpretare con maggiore precisione i segnali del corpo. Riuscire a riconoscere le espressioni sul volto del nostro interlocutore e quindi capire quali siano le emozioni realmente provate, non deve essere fine a se stessa. Deve invece servirci come avvertimenti quando la nostra comunicazione deve ad esempio cambiare direzione. Le microespressioni facciali e il linguaggio del corpo possono essere insieme uno strumento rivoluzionario per la nostra comunicazione. Potremo così imparare a capire cosa veramente il nostro interlocutore vuole comunicarci anche se ci sta esprimendo un concetto totalmente opposto. Potremo imparare a come essere maggiormente congruenti e allineare le nostre parole con il nostro corpo per rendere il nostro messaggio chiaro e inequivocabile.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario in Microespressioni facciali.

 

Leave a Reply