Nei post precedenti abbiamo parlato di menzogna e di quali siano le emozioni legate all’atto di mentire. Possiamo definire il senso di colpa e la piacere-beffapaura di essere scoperti nella menzogna come emozioni negative, in quanto creano sensazioni come ansia, apprensione, agitazione nel caso della paura di essere scoperti, nel caso del senso di colpa è possibile provare anche tristezza. Ma i bugiardi, e in particolare chi è proprio abituato a mentire, può provare anche sensazioni positive quando mente. Il bugiardo può provare eccitazione nel mentire, provare orgoglio se l’inganno va a buon fine, può provare un senso di sollievo e talvolta superiorità nei confronti della vittima che subisce il suo inganno. In questo caso, quindi quando l’atto del mentire provoca sensazioni piacevoli, stiamo parlando del piacere della beffa. Anche il piacere della beffa può variare a seconda delle circostanze. Se il piacere è molto intenso può ostacolare l’inganno, facendo eventualmente trapelare qualche indizio, a volte potrebbe addirittura portare a confessare il fatto, a causa della soddisfazione troppo forte da trattenere. In alcuni casi il piacere della beffa è connesso alla paura di essere scoperto che se molto limitata, la menzogna sarebbe più facile da portare avanti. E’ anche vero che  molta più paura potrebbe portare ad una soddisfazione maggior ad inganno riuscito, quindi è vista come un stimolo da alcune persone. Il piacere della beffa può essere alimentato anche da un altro fattore, ossia dalla persona che si sta ingannando. Oppure se la truffa avviene in presenza di un pubblico. La paura di essere scoperto, il senso di colpa e il piacere della beffa possono intrecciarsi durante la messa in atto di una truffa. Ricordiamoci che senso di colpa, paura di essere scoperti e il piacere della beffa, in quanto emozioni, possono manifestarsi sul volto di chi mente ed essere lette attraverso l’osservazione delle espressioni e delle microespressioni facciali.
Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario in Microespressioni facciali.

Accedi al canale YouTube Cordua Formazione e guarda i video dedicati!

 

Leave a Reply