Parliamo ancora di Pnl Programmazione neurolinguistica. La Pnl è una delle discipline più conosciute nel campo della comunicazione efficace e si avvale di diverse strategie per permettere a chi la studia e la mette in pratica di raggiungere con facilità i propri obiettivi e migliorare la propria comunicazione. Nel post di oggi andremo a vedere alcune basi della Pnl (vedi Corso di Pnl). Secondo la Pnl ognuno di noi comunica con gli altri attraverso tre canali fondamentali: il canale visivo, quello uditivo e quello cinestetico. Ciò vale a dire che la comunicazione può avvenire attraverso la vista (segni, movimenti, forme, colori), attraverso l’udito (parole, musica, suoni) e attraverso il movimento del corpo nello spazio (sensazioni tattili, contatto del corpo con l’ambiente esterno), oppure attraverso una combinazione di queste tre modalità. Quindi attraverso i nostri sensi e i nostri movimenti. Ciò che è interessante sapere è che non tutti nello stesso modo i tre canali, anzi ognuno di noi utilizza un canale preferenziale per comunicare con gli altri. Questa osservazione consente di dividere le persone in tre categorie di comunicatori

  • i  visivi, quelli cioè che nella comunicazione utilizzano prevalentemente la vista
  • gli uditivi, che si affidano soprattutto all’udito
  • i cinestetici, che impiegano in particolare alle sensazioni tattili

 

Questa inevitabile caratterizzazione comporta una conseguenza. Ad esempio un individuo cinestetico recepirà maggiormente quelle parti del messaggio veicolate da elementi cinestetici o che stimolano l’immaginazione cinestetica. Questo vale anche per le persone uditive e per quelle visive.

Quindi uno stesso messaggio, sarà recepito diversamente, a seconda del gruppo di cui il ricevente fa parte. Quindi per poter comunicare efficacemente è necessario tenere presente e saper riconoscere tutti e tre i diversi canali, in modo  utilizzarli al meglio a seconda di chi si ha di fronte. Se ci troviamo in una conversazione one to one sarà molto semplice perché una volta riconosciuto il canale preferenziale del nostro interlocutore sarà molto semplice capire su quale vi indirizzarci (vedi anche Pnl. Parlare o Comunicare?). Ma un abile comunicatore, quando si trova a parlare di fronte ad un pubblico, più o meno vasto dovrà essere in grado di utilizzare tutti e tre i canali comunicativi per poter coinvolgere tutta la sua platea.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi maggiori informazioni sul seminario di Comunicazione Avanzata e Pnl.

Leave a Reply