Nel post precedente, “Pnl. Le informazioni filtrate” abbiamo visto quali sono i processi attraverso i quali le informazioni che riceviamo vengono filtrate dalla nostra mente, quindi i processi di cancellazione, generalizzazione e distorsione. Nel post di oggi analizzeremo quali sono in Pnl i cinque filtri base che attivano i processi di generalizzazione, distorsione e cancellazione. Ma perché si attivano questi processi nella nostra mente? Il motivo è semplice per evitare il sovraccarico di informazioni. Su questo argomento sono state eseguite una serie di sperimentazioni che hanno portato a comprendere che la nostra mente conscia può analizzare solo 7 +- 2 informazioni contemporaneamente. Un classico esempio può essere quello della guida, quando saliamo in auto le prime volte, tutte le procedure non sono automatiche e ci mettiamo più tempo prima di partire in quanto la nostra mente deve ripetere tutta una serie di movimenti ( allacciare la cintura, controllare i tre specchietti, schiacciare la frizione ecc..). Solo quando saremo diventati bravi la nostra mente concepirà l’atto di metterci alla guida come un unico movimento. Questo significa che ad esempio, di una certa situazione tendiamo a ricordare solo alcuni aspetti. C’è una ragione per tutto ciò. Se non cancellassimo informazioni continuamente, finiremmo con l’avere troppe informazioni nella mente. Questa è la ragione per cui le informazioni vengono filtrate. Questo ci spiega anche perchè le persone reagiscono in maniera differente di fronte ad uno stesso stimolo. La differenza di risposta è dovuta alle cancellazioni, distorsioni e generalizzazioni. Secondo la Pnl, (vedi anche Corso di Pnl) utilizziamo dei filtri base per le operazioni di cancellazione, generalizzazione e distorsione. Questi filtri sono 5 e si distinguono in:

- Metaprogrammi
- Sistemi di Credenze
- Valori
- Memorie
- Decisioni
Conoscere i Metaprogrammi di qualcuno può aiutarci a capire meglio quali sono i suoi stati  emozionali. In base al metaprogramma, ad esempio, possiamo capire in che modo una persona prende le decisioni. Non esistono meta programmi giusti o sbagliati, ma sono solo uno strumento per capire in quale modo ogni persona analizza le informazioni, possono inoltre essere influenzati dal processo I Metaprogrammi possono anche essere influenzati dal contesto nel quale ci si trova.

Continua nel prossimo post…
Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni sul seminario in Neurolinguistica.

Leave a Reply