Sempre più persone sono interessate all’argomento delle Microespressioni facciali. Tutto nasce dalla serie televisiva Lie to Me, che per noi italiani adoratori del thriller poliziesco all’americana, è stata una piacevole novità. Al di là del lato romanzesco della serie, molti si sono sentiti attratti da questa nuova scienza, quella del riconoscimento delle emozioni sul volto attraverso la lettura delle microespressioni. Come molti sapranno ormai non c’è niente di inventato, cioè esiste qualcuno che ha veramente studiato come sia possibile leggere le emozioni sul volto della persona che abbiamo davanti. Stiamo parlando di Paul Ekman, che negli anni settanta ha introdotto nella vastissima sfera del linguaggio del corpo le microespressioni facciali. Ma come è possibile imparare a riconoscerle? Sicuramente studiandone la teoria e facendo molta pratica. A differenza di altre discipline nel campo della comunicazione avanzata e del linguaggio del corpo, le microespressioni richiedono una grande acutezza sensoriale e un certo spirito di osservazione che ognuno di noi può acquisire con l’esperienza. Molti si chiederanno quindi perché fare un corso sulle microespressioni facciali? Quali sono gli obiettivi e che vantaggi si possono avere? L’obiettivo del conoscere le microespressioni facciali non è solo quello di capire se la persona che abbiamo davanti ci sta mentendo o no, il loro scopo va ben oltre. Conoscere le microespressioni  facciali ci aiuta a migliorare la qualità della nostra comunicazione, gestire al meglio le conversazioni anche quando il grado di emotività è elevato. Ci permettono di cogliere in noi stessi e nel nostro interlocutore quali sono le vere emozioni provate attraverso la “lettura” delle espressioni del volto. Ci possono aiutare a comprendere qual è lo stato d’animo di un amico, di una persona cara, di un collega per poterlo aiutare davvero. Conoscere le microespressioni facciali può rivelarsi estremamente utile in fase di negoziazione o di vendita e per alcune professioni rappresenta un valore aggiunto che migliora decisamente la qualità del lavoro svolto.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni sul seminario in Microespressioni facciali.

Dal canale YouTube Cordua Formazione ecco il video-presentazione del corso sulle Microespressioni facciali.

 

Leave a Reply