Sta per iniziare un nuovo anno accademico. Nell’ultima settimana migliaia di studenti si sono visti impegnati nell’affrontare gli esami si sbarramento per l’ingresso alle facoltà a numero chiuso. Molti altri affronteranno i test d’ingresso nelle ultime due settimane di settembre. Per sapere gli esiti è ancora presto, sono poche le facoltà che hanno già esposto i quadri con i risultati. Ma possiamo immaginare già lo scenario che troveremo davanti alle facoltà quando i risultati dei test d’ingresso saranno resi pubblici. I volti felici di chi ce l’ha fatta, quelli un po’ meno ridenti di chi dovrà ritentare il test il prossimo anno o ripiegare su un altro corso di studi. Ma quali differenze ci sono tra chi alla prima riesce a superare il test e chi no? La motivazione? La fortuna? La preparazione? Forse tutti e tre i fattori. Pensiamo ad uno studente che sogna di fare il medico. Se la sua motivazione è tanto forte lo spingerà a studiare in modo tale da essere preparato al meglio, facendo così girare la “fortuna” dalla propria parte. Poiché la motivazione, la volontà e il desiderio di voler raggiungere un obiettivo sono elementi innati, che non ci possono essere insegnati, dato che la fortuna (intesa come caso) molto probabilmente non esiste ma è una condizione positiva che noi stessi creiamo con le nostre azioni, parliamo della preparazione. Cosa bisogna sapere? Di tutto e di più, qualcuno penserà. E in parte è vero, gli argomenti oggetto dei test d’ingresso spaziano dalla cultura generale, alla fisica, matematica, alla biologia, anatomia e all’arte. Quindi per riuscire a superare i test dobbiamo essere onniscienti? Non necessariamente. Nessuno in realtà ci chiede di sapere tutto di tutto. Ciò che distingue uno studente di successo è una preparazione mirata all’obiettivo. L’esperienza formativa fatta con gli studenti della Scuola Empedocle del dott. Pedullà, ci insegna che  la memorizzazione degli elementi di cultura generale (vedi anche Corso di Memoria C.I.A.O.), il ragionamento logico, la memorizzazione di formule di matematica, fisica, chimica, sono fondamentali per avere una preparazione eccellente. Saranno poi la consapevolezza di aver acquisito le nozioni necessarie, la capacità di ragionamento, le abilità nel distinguere con certezza e da subito quali sono le risposte corrette e quelle non corrette che permetteranno di avere i risultati migliori e di dare così la possibilità di intraprendere il corso di studi desiderato.

Vuoi saperne di più su come preparati al meglio per i test d’ingresso? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni.

2 Responses to “Preparasi ai test di ammissione”

Leave a Reply