Archive for July, 2011

Nel post precedente abbiamo parlato dell’importanza della comunicazione efficace e di quando sia fondamentale non solo l’atto del trasmettere il messaggio ma anche l’importanza del capire e farsi capire dal nostro interlocutore. Nel post di oggi andremo a vedere alcuni suggerimenti utili per poter produrre una comunicazione efficace, sia che si svolga nel privato, sia che abbia a che fare con in nostri rapporti personali, sia che si tratti di un colloquio di lavoro o della presentazione di un progetto. Quando comunichiamo, indipendentemente dalla situazione nella quale ci troviamo è importante non limitarci ad ascoltare passivamente la nostra voce concentrandoci solo su noi stessi. Read the rest of this entry »

Tutti noi comunichiamo, in qualsiasi momento, e nei modi più diversi.  Possiamo farlo attraverso in nostro corpo assumendo delle posizioni, più o meno consapevolmente, che riescono a esprimere e trasmettere efficacemente i sentimenti che proviamo. Comunichiamo in ogni momento della nostra vita e con mezzi diversi. Tutti gli individui sono in grado di comunicare ma non tutti sono in grado di farsi capire e trasmettere con efficacia il proprio messaggio. Come mai accade questo? E come è possibile riuscire sempre a farci capire da chi ci ascolta? Le strategie di Pnl e di Comunicazione Avanzata ci supportano proprio in questo senso, per darci la possibilità di imparare a leggere non solo le parole che ascoltiamo, ma anche a capire quali messaggi si celano dietro i gesti, la postura, il tono di voce, le espressioni del viso di chi abbiamo di fronte. Read the rest of this entry »

Torniamo a parlare di memoria e dei processi che la nostra mente mette in atto quando riceviamo o diamo informazioni. Oggi parleremo delle memoria di destinazione (vedi anche Quanti tipi di memoria abbiamo?) A chi non è mai successo di raccontare un’esperienza a qualcuno e rendersi conto di averglielo già raccontato? Oppure di essere fermati a metà sentendosi dire: “me lo hai già detto!”? Ricordarsi con chi abbiamo condiviso un’informazione è un processo cognitivo denominato memoria di destinazione ed è importante almeno quanto la memoria della fonte, ossia quando ricordiamo qualcosa che ci è stato comunicato. La memoria di destinazione, come la memoria della fonte, fa parte della memoria episodica  autobiografica, ci permette di ricordare noi stessi e il contesto spazio-temporale nel quale è avvenuta la comunicazione e la memorizzazione dell’informazione. Pare però che, a differenza della memoria della fonte, la memoria di destinazione sia maggiormente soggetta a errori. Read the rest of this entry »

Che cosa è la Pnl? E quali vantaggi possiamo trarre dal frequentare un corso di Pnl? La Pnl rappresenta soprattutto un percorso, fatto di nozioni, teoria ma soprattutto tanta tanta pratica. Rappresenta uno strumento per riuscire a capire se stessi, apprendere le modalità di apprendimento dei leader e riuscire a influenzare gli altri nelle scelte e ottenere successo nella vita e nel lavoro. E’ un mezzo per riuscire a scoprire i segreti della percezione, della comunicazione, del pensiero e del comportamento umano. La Pnl è nasce all’inizio degli anni ’70. Ricercatori con formazione nell’ambito della psicologia, della matematica e della linguistica cercano di capire in che modo solo alcuni bravi psicoterapeuti riuscivano ad influenzare e ottenere risultati sorprendentemente efficaci e duraturi con i loro pazienti. Read the rest of this entry »

La creatività è la facoltà umana di produrre nuove idee per migliorare la vita. La creatività, in quanto facoltà può essere considerata come una potenzialità, una scelta che ognuno di noi ha la possibilità di fare. Scegliere di essere creativi implica che si può non esserlo. La facoltà suggerisce l’arbitrarietà il non necessario. Quindi per poter utilizzare la creatività è necessario avere uno scopo, un obiettivo e una forte motivazione. Chi fino ad ora si è occupato di “creativi” ha masso in evidenza il fatto che non esiste una personalità tipo, l’unica cosa che accomuna i creativi è la tenacia, la passione e l’impegno nell’atto creativo. Quindi chiunque può essere creativo. Esattamente come la memoria (vedi anche Allenare la memoria), la capacità di ricordare e di ritenzione delle informazioni, anche la creatività va allenata e tenuta in costante esercizio. Per essere allenata la creatività richiede costanza, tenacia, ottimismo, fiducia in se stessi e nelle proprie capacità. Read the rest of this entry »

Nel post precedente “Il linguaggio del corpo. Come leggerlo”abbiamo posto la nostra attenzione sul fatto che la lettura del linguaggio del corpo segue si una sorta di codice, ma che bisogna sempre e comunque contestualizzare i segnali del corpo, a seconda della situazione e della persona che abbiamo di fronte. Oggi vedremo alcuni esempi per capire come possiamo interpretare il linguaggio del corpo della persona che ci sta di fronte, del nostro interlocutore e di noi stessi (vedi anche Corso di Pnl). Leggendo in maniera accorta e senza pregiudizio il linguaggio del corpo possiamo ad esempio scoprire che le braccia incrociate per una persona significano qualcosa di completamente differente da ciò che significano per qualcun altro, quindi non necessariamente rappresentano una stato si chiusura fisica e mentale. Ricordiamoci che il linguaggio del corpo rivela chi siamo, con una stretta di mano ad esempio riveliamo qualunque cosa. Read the rest of this entry »