Nel post precedente abbiamo parlato della comunicazione non verbale e approfondito la prima area individuata da Mehrabian ossia il sistema paralinguistico. Nel post di oggi andremo avanti ad approfondire le altre aree.

Sistema cinesico

Comprende tutti gli atti comunicativi espressi dai movimenti del corpo. Prima di tutto dobbiamo considerare i movimenti oculari. Il contatto visivo tra due persone può avere molteplici significati, anche in questo caso i significati sono influenzati dall’aspetto sociale e dal contesto in cui ci troviamo. Ci sono poi i gesti del corpo. In particolare quelli delle mani aiutano a sottolineare le parole, oppure possono fornire un significato diverso al messaggio espresso verbalmente. Anche per  quanto riguarda i gesti del corpo, bisogna tenere conto della cultura di appartenenza. Infatti alcuni gesti che per noi hanno un certo significato, come scuotere lateralmente la testa per dire no, in altre cultura assumono significati opposti, ad esempio in Bulgaria tale gesto vuol dire si. Un altro elemento che caratterizza il sistema cinesico è a postura. Anche qui dobbiamo fare attenzione al contesto sociale e alla situazione in cui ci troviamo

Prossemica

L’aspetto della prossemica analizza i messaggi inviati dal corpo attraverso l’occupazione dello spazio. Il modo in cui ci disponiamo nella diverse situazioni non è casuale. Ognuno di noi tende a suddividere lo spazio che ci circonda in quattro zone principali:

Zona intima (da 0 a 50 centimetri)

Zona personale (da 50 cm ad 1 metro)

Zona sociale (da 1 m a 3 o 4 m)

Zona pubblica (oltre i 4 m)

La zona intima è quella con accesso più ristretto, in questa zona vengono accettati i familiari più stretti e il partner. L’ ingresso delle altre persone viene percepito come una invasione che provoca un disagio. La zona personale è meno ristretta: vi sono ammessi familiari meno stretti, amici, colleghi, è la zona nella quale si svolgono comunicazioni informali. La zona sociale è l’area in cui svolgiamo le attività che prevedono interazione con persone sconosciute o poco conosciute. La zona pubblica è quella delle occasioni ufficiali, la distanza tra chi parla e chi ascolta è relativamente elevata.

Aptica

L’aptica è costituita dai messaggi comunicativi espressi tramite contatto fisico. L’aptica è un campo nel quale le differenze culturali rivestono un ruolo fondamentale: ad esempio la quantità di contatto fisico presente nei rapporti interpersonali fra le persone di cultura sud-europea verrebbe considerata come una violenta forma di invadenza dai popoli nord-europei.

Vuoi saperne di più sulla comunicazione non verbale? Richiedi maggiori informazioni sul corso di Pnl.

Leave a Reply