Torniamo a parlare di memoria. Nel post di oggi andremo a vedere cosa vuol dire memorizzare e quali sono i magazzini premettono di tenere a mente i vari tipi di informazioni. Sappiamo che il nostro cervello è in realtà uno strumento molto potente. La nostra capacità di memoria è praticamente infinita, ognuno di noi ha la possibilità, attraverso i processi cognitivi di ricordare, consciamente o inconsciamente tutto quello che viene a contatto con i nostri cinque sensi. Siamo in grado di ricordare parole, avvenimenti, nomi e visi di persone, numeri, concetti, nozioni ecc. Insomma ogni esperienza della nostra vita rimane impressa nella nostra mente. Se così non fosse non saremo in grado ad esempio di parlare e di condurre una vita normale. Il nostro cervello è una struttura perfetta, ogni parte che lo compone ha una su funzione specifica. E proprio una parte del nostro cervello, l’ippocampo che svolge un ruolo importante nelle funzioni della memoria e della navigazione spaziale.

Possiamo dire l’area del nostro cervello dedicata alla memoria è composta da due magazzini, quello della Memoria a Breve Termine e quello della Memoria  a Lungo Termine (vedi anche Memorizzare a lungo termine. Come Fare?).

La memoria a breve termine, in quanto tale mantiene un numero limitato di informazioni per un tempo breve. Possiamo immaginarla come un post-it sul quale annotiamo un numero di telefono prima di salvarlo nella memoria del telefonino, o di memorizzarlo.

La memoria a lungo termine, invece è quella che ci consente di ricordare le informazioni nel lungo periodo. E’ li che conserviamo la nostra conoscenza, le esperienze vissute, le parole che utilizziamo per parlare. La capienza della nostra memoria a lungo termine è grandissima e dura molto tempo, anche per tutta la vita.

Il cervello memorizza le informazioni attraverso un processo, che passa prima dalla memoria a breve termine. Le informazioni che riteniamo importanti ricordare, vengono trasferite nella memoria a lungo termine in maniera definitiva. Quelle che non riteniamo importanti vengono cancellate. Una caratteristica importante dell’ippocampo è che è strettamente legato alle emozioni (vedi anche Memorizzare le informazioni con le immagini). Ciò vuol dire che se un evento, un’informazione ci colpisce emozionalmente sarà più facile da ricordare.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni sulle tecniche di memoria!

Leave a Reply