Le mappe mentali sono una tecnica di rappresentazione grafica basate sullo studio delle capacità della nostra mente.

Intorno agli anni ’60, lo psicologo inglese Tony Buzan, ideò le mappe mentali in seguito all’analisi della mente umana e alla sua capacità di associare informazioni e concetti in maniera non linare. Buzan, nell’ideazine delle mappe mentali sfruttò anche le differenze tra i nostri due emisferi. Utilizzò la capacità dell’emisfero sinistro, sede della razionalità, della logica e delle parole, di elaborare concetti e informazioni in maniera lineare, e la capacità dell’emisfero destro, sede della creatività e delle intuizioni, di elaborare le informazioni in maniera non lineare.

Le mappe mentali nascono quindi dal contemporaneo utilizzo delle facoltà mentali e dell’attività dei due emisferi e ci permettono di creare una sorta di diagramma che coinvolge sia le parole che le immagini.

Le mappe mentali presentano due caratteristiche fondamentali, una struttura gerarchico-associativa delle informazioni, e l’uso di immagini e colori che stimolano la creatività e lo sviluppo di idee.

Per costruire delle mappe mentali efficaci basta seguire delle semplici regole:

  • si parte dal centro, dove verrà scritto, accompagnato da un’immagine, l’argomento principale che si vuole sviluppare;
  • sviluppare, partendo dal centro i rami, dove verranno collocate le parole chiave, una per ramo. Si inizierà dai rami primari che saranno i più evidenti, proseguendo a livelli, in modo da rispettare la struttura gerarchica della mappa mentale;
  • utilizzare colori e immagini per facilitare la memorizzazione (vedi anche Memorizzare velocemente con le mappe mentali), evidenziare i concetti più importanti, sfruttare e sviluppare la creatività;
  • utilizzare frecce, codici e simboli per richiamare i concetti che non vengono trascritti sulla mappa o per collegare informazioni che si trovano in punti differenti della mappa mentale;
  • la mappa mentale viene costruita su un foglio bianco e in orizzontale in modo da sfruttare meglio lo spazio a disposizione. Le informazioni dovranno essere scritte in stampatello e in maniera chiara in modo da essere lette con maggiore facilità.

Le mappe mentali (vedi anche Come impiegare le mappe mentali)sono un utilissimo strumento per riassumere testi, in quanto permettono di concentrare numerose informazioni in poco spazio, sono utili per prendere appunti in quanto ci permettono di aggiungere informazioni, e quindi rami, in qualsiasi momento.

Se vuoi saperne di più sulle mappe mentali, visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni sul seminario “C.I.A.O. Corso In Apprendimento Organizzato”.

Leave a Reply