Nel post precedente abbiamo trattato la prima parte delle leggi sulle mappe mentali, le leggi della tecnica. Nel post di oggi andremo a vedere le leggi di impaginazione. Seguire queste leggi ci permette di sfruttare al meglio la nostra libertà di associazione e di sviluppo delle idee mantenendo comunque un ordine nella costruzione della mappa mentale.

Leggi di impaginazione.

  1. Usare la gerarghia. E’ fondamentale per avere le nostre idee sempre in ordine. La mappa mentale, per la sua cotruzione segue una struttura gerarchica, quindi ci permette, partendo dal nucleo, cioè l’idea centrale o l’argomento trattato, di creare diversi livelli di rami che conterranno le informazioni in ordine di importanza.
  2. Usare un ordine numerico. Se stiamo costruendo una mappa mentale con l’obiettivo di esporre un discorso, un esame o un saggio, potrà esserci utilissimo numerare i nostri rami a seconda dell’ordine che vogliamo dare alle informazioni che andremo ad esporre. Sarà così più facile, in fase di memorizzazione e poi di esposizione avere un ordine logico del discorso nella nostra mente.

Raccomandazioni.

  1. Rompere i blocchi mentali. Può capitare durante la costruzione delle mappe mentali di avere un blocco. Possiamo utilizzare alcuni escamotage per stimolare il nostro cervello alla produzione di idee e intuizioni sfruttado la sua tendenza al completamento. Ad esempio possiamo aggiugere rami vuoti nella mappa mentale, possiamo farci domande che stimolino il cervello a dare risposte e quindi a rompere il blocco. Aggiungere immagini per stimolare la capacità di creare associazioni.
  2. Rinforzare. Ripassare la mappa mentale che abbiamo fatto aiuta non solo ad avere un ricordo più forte ma anche duraturo, inoltre ci permette di correggere e ridefinire le aree che non ci soddifano o creare nuove associazioni. Per il ripasso possiamo seguire lo schema del Masterplan. Per aiutarci durante i ripassi possiamo fare anche delle mappe di controllo, come fossero dei riassunti della mappa mentale principale. In questo modo richiameremo facilmente i concetti fondamentali.
  3. Essere preparati. Quando studiamo è importantissimo. Prima di iniziare assicuriamoci di avere tutto a portata di mano. Dovremo preparare accanto a noi tutti i fogli e i libri che ci servono per creare le mappe mentali, penne e pennarelli funzionanti, matite temperate ecc… Eviteremo così di distrarci andando in giro a cercare il materiale che ci serve. E’ importante essere preparati, non solo dal punto di vista pratico, ma anche da quello emotivo vedi anche Concentrazione e rilassamento). Avere un atteggiamento mentale positivo prima di inizare a studiare e creare le mappe mentali è già un buon punto di partenza. Anche preparare un ambiente confortevole, che ci faccia sentire a nostro agio è fondamentale quando dobbiamo studiare.

Per saperne di più visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni sul seminario “C.I.A.O. Corso In Apprendimento Organizzato”.

Leave a Reply