Torniamo a parlare delle tecniche di memorizzazione. Come già accennato nei post precedenti abbiamo visto che una delle più grandi difficoltà riscontrate dagli studenti è quella di memorizzare i numeri (vedi anche Memorizzare le formule, una tecnica) . Quando parliamo di numeri possiamo comprendere anche le date storiche. Quando studiamo materie come la storia o la letteratura ci troviamo a dover ricordare un numero consistente di date collegate ad uno o più eventi. Quante volte, durante la nostra carriera scolastica ci è capitato di fare confusione tra le diverse date? E’ possibile riuscire a memorizzare le date collegate agli eventi con facilità, senza rischiare di confondersi? La risposta è si, con il supporto delle giuste strategie. Le tecniche di memorizzazione ci permettono di riuscire a memorizzare con facilità le date collegate agli eventi. In che modo?

Facciamo un esempio. Cristoforo Colombo scoprì l’America il 12-10-1492. Come facciamo a memorizzare questa data e l’evento collegato? La prima cosa da fare è cercare un’immagine per ogni informazione da memorizzare. Se pensiamo a Cristoforo Colombo cosa ci viene in mente? Potrebbe essere l’uovo di Colombo o una delle tre caravelle, possimo pensare ad un uomo con un cappello su una caravella (possiamo anche utilizzare un’immagine del viso di Cristoforo Colombo che troviamo sui libri). Dobbiamo trovare ora un’immagine per America, possiamo immaginare una bandiera americana, oppure se vogliamo essere più specifici possiamo immaginare la cartina geografica dell’America del sud. Veniamo alla nostra data. Dovremo utilizzare la conversione fonetica per creare le immagini della data da ricordare. In questo caso abbiamo: 12 che se convertito in suoni ci da l’immagine di DONNA, abbiamo poi 10 che convertito in suono ci da come immagina TAZZA. Infine 1492, possiamo volendo dare per scontato la prima cifra, cioè l’1, rimarrà quindi da convertire 492, ad esempio TRAPANI. Ora che abbiamo trovato le immagini per ognuna delle informazioni da ricordare non ci resterà altro da fare che fare un PAV. Andremo cioè a fare un’associazione creativa tra le immagini, arricchendole di colori, dettagli, suoni e infine le visualizzeremo (vedi anche Memorizzare velocemente con la visualizzazione) nella nostra mente.

In questo modo memorizzare le date sarà non solo facile ma soprattutto avremo la sicurezza della corrispondenza tra data ed evento. Impossibile confondersi.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni sul seminario “C.I.A.O. Corso In Apprendimento Organizzato”.

Leave a Reply