Nei post precedenti abbiamo visto come sia possibile memorizzare diversi tipi di informazioni con l’utilizzo dello schedario mentale. Nel post di oggi andremo a vedere cosa sono gli schedari alternativi, quali tipi di schedari alternativi esistono e a cosa servono.

Come abbiamo già visto lo schedario mentale può essere infinito (al corso di tecniche di memorizzazione vengono mostrate le prime 100 schede), ma esistono altri schedari che possiamo utilizzare in alternativa.

Il corpo umano. Possiamo utilizzare come schede menemoniche le parti del corpo umano, partendo dall’alto verso il basso o viceversa. Possiamo pensare ad una persona che reale oppure immaginaria, l’importante che sia conosciuta e se possibile che abbia un legame con ciò che stiamo studiando.

Schedario parallelo. E’ molto utile quando dobbiamo memorizzare ad esempio i capitoli di un libro e i paragrafi. Quando creiamo lo schedario mentale utilizziamo la conversione fonetica per trovare le nostre schede. Poichè per ogni numero possono esistere più conversioni, utlizzeremo le schede che abbiamo imparato al corso per i capitoli, mentre troveremo una nuova conversione per creare una nuova scheda da associare ai diversi paragrafi. Ad esempi se la prima delle nostre cento schede era TE, assoceremo il primo capitolo alla parola TE, per memorizzare I paragrafi potremo utilizzare una seconda conversione ad esempi per il primo paragrafo possiamo utilizzare la scheda DIO. E così via.

Moltiplicatore di schede. Possiamo ottenere centinaia di schede già pronte con estrema creatività etichettando ogni centinaio. In che modo? Partiamo sempre dal presupposto che le nostre prime cento schede siano fisse possiamo etichettare le centiaia successive utilizzando un colore per ogni centinaio oppure un oggetto. Per esempio etichetteremo il secondo centinaio di schede con il colore rosso (o con un oggetto di colore rosso), dovremo semplicemente aggiungere all’inizio del nostro PAV il colore che abbiamo scelto.

Insomma possiamo essere in grado di creare tutte le schede di cui abbiamo bisogno e combinarle nel modo che riteniamo più opportuno (vedi anche Memorizzare facilmente le informazioni)L’unica cosa da non dimenticare mai e utilizzare l’ingrediende principale il PAV, dovremo sempre utilizzare la nostra fantasia per creare delle associazioni paradossali, ricche di dettagli e utilizzando suoni e movimenti.

Vuoi saperne di più? Visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni sul seminario “C.I.A.O. Corso In Apprendimento Organizzato”.

One Response to “MEMORIZZARE . SCHEDARI ALTERNATIVI”

  • [...] Nei post precedenti abbiamo visto come sia possibile con le tecniche di memorizzazione ricordare diversi tipi di informazioni. Abbiamo parlato di memorizzazione di formule, numeri e vocaboli. Abbiamo parlato di conversione fonetica, delle schede mnemoniche e di come sia possibile creare schedari altenativi. [...]

Leave a Reply