Segui i seguenti video e commenta quali sono, secondo te, i sistemi rappresentazionali (o canali sensoriali) dominanti.

  • Iniziamo da una canzone di Tiromancino, “La descrizione di un attimo”

Hai seguito la canzone?

Adesso riporta nei commenti le tue considerazioni, specificando il canale preferenziale utilizzato.

  • Adesso passiamo a qualcosa di più rapido, come può essere lo spot pubblicitario…

clicca su questo link per visualizzarlo

Annota nello spazio di fianco, in seguito alle considerazioni di prima, il canale preferenziale utilizzato nello spot appena visto.

  • Analizziamo infine una comunicazione di presentazione aziendale… molto speciale…la software house MICROAREA !

L’ultima richiesta che ti pongo è quella di riportare i canali sensoriali maggiormente utilizzati nel video appena seguito.

Rivolgere un’attenzione di questo tipo nella tua attività quotidiana, ti permetterà di acquisire quella sensibilità necessaria per vedere e ascoltare informazioni altrimenti ignorate, la tua percezione ti permetterà di saper essere più allineato al profilo della persona che avrai davanti.

Buon esercizio !

Alla prossima

24 Responses to “I SISTEMI RAPPRESENTAZIONALI. V – A – K”

  • Reka Ujj:

    Secondo me, Il canale dominante e il cinestesico. la canzone riguarda le sensazioni ricordate, le emozioni, il rapporto e la consapevolezza interiori di un ragazzo, anche se i verbi (crolla, ci rivediamo, aspettami, dimenticami, stai male, parla adesso, sei bellissima, diventata pazza, scivola) utilizzati sono più esempi per il canale visivo ma li usa associando con soggetti che descrivono sensazioni ed emozioni profondi.. Tipo crolla la mia fortezza del mio debole per te, memoria scivola…
    Anche il video e cinestesico per me.. Il treno e le fermate.. Rappresenta la vita di qualsiasi persone.. In movimento ed in attesa, mai con un ritorno al lo stesso punto precedente.. Infatti viviamo “gli attimi”

  • Reka Ujj:

    E visivissimo!! Riproduce e visualizza chiaramente i messaggi aziendali, le parole ed ogni concetto.. Senza lasciar spazio alla interpetazione personale.
    Almeno lo spero chow sia così.. E voluto! :)

  • REKA UJJ:

    lo spot usa il canale auditivo (sopratutto!) e visivo. l’auditivo.. la musica che crea l’ambiente patetismo.. l’ENEL che fa parte della nostra storia, che participa nel creare e nel realizzare il nostro futuro..
    poi oltre la musica: una applausa per la “costruito un futuro” anche questo è molto auditivo.
    visivo: parte la sera (la prima luce elettrice). il futuro presenta il sole pieno..immagini chiari, tutto pulito, vestiti bene, senza macchie, poi la macchina va via col tramonto (scena patetismo nuovamente..)

    musica, applausa per ENEL, dal buio alla luce… questi 3 elementi hanno già trasmesso il messaggio: Enel c’era, c’e e ci sarà, perchè sa ri-inventarsi e sa dare il giusto supporto alla gente di ogni tempi.

  • Fabrizio:

    Canale dominante: cinestesico. Cananle secondario: visivo. Non ho trovato nulla legato all’uditivo…a parte che è una gran bella canzone :)
    Devo dire però che il titolo lo trovo molto visivo…ma forse è una mia inflessione.
    Sono invece molti nel testo i rimandi “emozionali” che mi hanno portato a giudicarla come cinestesica.

  • Fabrizio:

    Il video Microarea punta molto sul collegamento tra suoni e immagini, quindi propendo per il canale auditivo (il fatto che sia un video evidentemente lo rende visivo…).

  • Fabrizio:

    Lo spot purtroppo non riesco a vederlo. Sigh!

  • Laura:

    Nella canzone dei Tiromancino il canale dominante secondo me è quello cinestesico, perchè sono continui i riferimenti alla sfera dei sentimenti e delle sensazioni (non sei più sola; sei un’emozione fortissima; sei diventata pazza; ti fanno preoccupare; poterti credere…). Ho trovato un uso limitato del canale visivo, con l’uso di parole quali “mi ricordo”, “la descrizione”, “ci rivediamo”, “sei bellissima”. Per il canale auditivo ho trovato pochissime parole: “mi hanno detto”, “mi chiedi”.

  • Laura:

    Lo spot utilizza indubbiamente il canale visivo, con l’uso di parole quali “guardarlo”, immaginare” e associando alle parole immagini che rendono più forte il messaggio. Ad es. quando dice “non ci siamo fermati a guardarlo (il futuro), siamo andati avanti” c’è l’immagine della strada percorsa ; così come alle parole “immaginare un altro futuro” viene associata l’immagine di un mondo ecologico, con tanto spazio verde. In minima parte trovo anche il canale cinestesico, con “sicuri che fosse il mondo che volevate trovare” perchè dà un senso di sicurezza e tranquillità.

  • Laura:

    Il video Microarea è un bel mix di canale visivo-auditivo, nel senso che il suono è all’inizio quasi un rumore, è associato ad immagine veloci, penso a voler rappresentare il caos totale…poi quando si parla di Microarea il suono diventa una musica dolce, più rilassante, e viene elencato quello che Microarea fa per dare soluzioni, risolvere le problematiche quotidiane, anche creando un team coeso. Il tutto avviene con l’evidenza di numeri e cifre che rafforzano l’idea di quanto sia usato, rivenduto e quindi valido il prodotto Micrarea ;-)

  • Paolo:

    canzone dei Tiro mancino: il canale prevalentemente usato è il cinestesico.Troppi riferimenti ad emozioni e stati d’animo per potersi sbagliare. Anche il video che dovrebbe essere solo visivo, rappresenta invece uno squarcio di vita dominato da stati d’animo: rimorso, rabbia, trstezza, nostalgia, orgoglio….tutti caratteri legati alla sfera dei sentimenti. Anche se alcune parole riportano alla mente in qualche maniera il supporto visivo (Crolla la fortezza, sospesi nell,attimo. aspettami, ci rivediamo, sei bellissima) il risultato finale è il rimando ad attimi legati a forti spinte emotive. di uditivo, mi sembra che qualcosa ci sia, ma è troppo poco per essere preso in considerazione…

  • Paolo:

    Per me il video dell’ENEL è diviso fra visivo e cinestesico, anche se la parte più preponderante è quella visiva. Se il video viene guardato distrattamente, balza solo alla vista il viaggio, la strada, le persone che attendono che si illuminino i lampioni, ma se si ascolta anche il testo si nota che tutto lo spot è composto da frasi visive in rimando a frasi cinestesiche (o viceversa): Abbiamo costruito un futuro (Cinestesico) ci siamo fermati a gurdarlo (Visivo)- siamo andati avanti (V) ad immaginare un altro futuro (C) – per portarvi là (V) che fosse il mondo che volevate trovare (C). Comunque molto d’impatto visivo e nullo dal punto di vista auditivo.

  • Alina:

    1. Tiromancino: guardando il VIDEO di una CANZONE e annalizzando le parole che ovviamente trasmettono dei SENTIMENTI, penso che gia’ cominciamo con un bel mix di V, A & K. Dall’inizio, si parte con il “to, to, to, ta-ra..” che introduce gia’ l’ascoltatore in un stato melancolico via l’audio (e notiamo qui l’echo), anche se questi sillabi non hanno un significato di per se’ (e tra l’altro se notate questi sillabi si ripetono in tutta la canzione nel sottofondo) . Continuando ad annalizzare le parole (teniamo sempre conto che sono cantate, e non semplicemente elencate in un paragrafo da leggere, poi fanno anche rima) notiamo il canale cinestesico (crolla, debole, sola, emozione fortissima, sensazioni, ecc). Ovviamente si vogliono trasmettere le sensazioni del cant-autore, e secondo me questo viene fatto sia con l’audio che con la cinestesia.
    Il canale visivo e presente (ovvio, e’ un VIDEO! :) ) e se notate le immagini sono in bianco-nero fino alla fine, quando si vede solo per alcuni secondi il fiore colorato che cade dalla mano (metafora=>rinunciare). Questo ci riporta ad uno stato di sogno-immaginare, siccome (non so voi, ma almeno io) quando sognamo o ci ricordiamo delle cose molto spesso (se non sempre) sono in bianco e nero. Quindi un’altro apporto questa volta visivo al messaggio dello stato affettivo-melancolico del cantante. Mi fermo qui. :)

  • Alina:

    2. Enel: questo spot e’ evidentemente piu’ visivo che altro, notiamo i colori caldi , immagini non molto rapide che rappresentano paesaggi puliti, chiari (per esempio non vediamo un prato tutto sporco, un recinto con la ruggine, ma un campo grande e molto pulito, chissa dove l’hanno filmato !!  ). Il protagonista viene seguito dall’alba fino al tramonto, ma anche simbolicamente dal passato al futuro, trammite i personaggi e gli oggetti che diventano sempre piu’ tecnologicamente innovativi. Poi, credo che tutti avete riconosciuto la famosa nuotatrice Pellegrini, giusto per dare un volto sicuro, affidabile e vincente allo spot.
    Anche se in secondo piano, l’audio e’ molto importante, hanno usato una voce baritonale che sembra quella di un nonno saggio, immaginate lo stesso spot con la voce acuta di un adolescente: effetto totalmente diverso! La musica certamente aggiunge un crescendo al percorso della macchina, verso la fine dando una chiusura perfetta di un viaggio che ha raggiunto la sua meta. Le parole completano sempre il messaggio VISIVO.

  • Alina:

    3. Microarea: penso che questo spot sia ugualmente visivo e auditivo, per ogni parola detta appare subito l’immagine che la rappresenta (“ e li’ per te” = e vediamo la persona che lavora di notte con il computer ed il telefono: Reka! Hehe; “forum”= vediamo il sito del forum; “mentre lo fa” = schiaccia subito enter, ecc). Poi la voce, la musica, tutto un insieme di cose che sono in sintonia con le immagini (lo schermo nero = silenzio totale). Il canale cinestesico e’ presente in una misura minore.

  • Daniela:

    Il video di Tiromancino mi dà un’idea del tempo che scorre come il treno, emozini dopo emozioni e tutto questo accompagnato anche dalla bella musica che coinvolge. Direi che il canale dominante è cinestesico seguito da quello uditivo.

    Nella pubblicità di Enel c’e ne di tutto – immagini da ieri, oggi e domani; la sensazione di sicurezza, la felicità, la fiducia tutto coperto da una voce rassicurante. La prima cosa che mi prende è la voce. Questa pubblicita mi trasferisce il suo messaggio anche senza vederla, ma solo sentirla. Secondo me, il canale è uditivo.

    Lo spot di Microarea è molto dinamico. Le immagini che scorrono una dopo l’altra è danno i messagi positivi. Prevalentamente visivo.

  • Paolo:

    Per quanto riguarda la presentazione Microarea la trovo esclusivamente auditiva. Prima la musica, che accompagna piacevolmente in sottofondo il racconto ed in seconda battuta le parole dello speaker che elencano tutte le possibilità ed i “numeri” di Microarea, sono solo da scoltare e da recepire.
    Auditiva al 100%.

  • Palma:

    Tiromancino: è un insieme di rappresentazioni sensoriali che includono emozioni, sensazioni fisiche, movimento,dolore, piacere e consapevolezza del proprio essere: cinestesico.
    In alcuni casi il soggetto (la ragazza) guarda direttamente di fronte a se con sguardo “sognante e/o melanconico”: area visiva.
    Collegando i due sistemi rappresentazionali credo che si possa attribuire al soggetto, alle parole, alla melodia una valenza introspettiva psicologica.

    Enel: già il testo della splendida canzone, your love, avvolge pienamente lo spot con parole come: sentire, toccare, trasformare..
    Questa melodia ci accompagna in un viaggio nel quale viene raffigurato: passato, presente e futuro:
    * sguardo rivolto al futuro
    * viaggio che rappresenta la crescita
    Sono per me canali sensoriali totalmente: visivi.
    Anche se…

    Microarea: L’ attenzione viene catturata dalla voce e dalla musica (effetti sonori): auditivo
    Le immagini contribuiscono in buona parte anche all’area visiva: il singolo è rappresentativo del gruppo e viceversa (non è un caso, secondo me, che lo slogan finale rimandi a questo strettissimo rapporto biunivoco: Microarea la nostra community è anche la tua).

  • Nadir:

    Nella canzone dei Tiromancio, a mio parere, non cé un canale predominante. Detto questo, il cinestetico e il visivo sono particolarmente presenti (sensazioni,immagini,emzioni). A livello auditivo nulla da segnalare.

  • Nadir:

    Discorso Spot Enel:
    visivo e auditivo fanno da padroni, soprattutto considerato che si vuole stimolare l’immginazione a livello di immagini.
    La musica la reputo una componente importante nel quadro generale dello spot, perché di fatto accompagna le parola e il messaggio di fondo.

  • Łukasz:

    Secondo me domina il visivo ma è presente anche il cinestetico in quanto si parla di emozioni.

  • Łukasz:

    Su Spot Enel:

    Qua è presente un mix fra l’auditivo (tono della voce ritmato che unendosi alla musica facilità sensazione di trans) e il cinestesico.

  • Nadir:

    Clip Microarea:
    ho trovato elementi appartenenti a tutte e tre le categorie (V-A-K). Un bel mix, non cé che dire. Certo, considerato che é un video le immagini, il visivo, sono componenti importanti, ma anche elementi cineststici contribuiscono verso il risulato finale.

  • Łukasz:

    Il filmato microarea Community e un mix del canale auditivo, visivo e cinestesico. Il canale dominante è forse quello auditivo, visto il paraverbale con un fondo che racchiude l’emozione la quale si percepisce nel tono. Molto presente anche quello visivo che accompagna.

  • [...] utilizzati per accedere a delle risorse interne. Il movimento oculare è strettamente legato ai sistemi rappresentazionali (V-A-K) interno della persona che sta parlando e che ricerca nella sua esperienza le informazioni per [...]

Leave a Reply