Nel post precedente abbiamo parlato di cosa sono e di come memorizzare e organizzarsi con le mappe mentali.

Oggi andremo a vedere in quali campi è possibile utilizzare le mappe mentali.

Le mappe mentali possono essere utilizzate:

  • nella sfera personale: la mappa viene impiegata prima per far emergere le idee dell’autore, poi per fissarle e rielaborarle;
  • nel lavoro di gruppo: le informazioni e le idee di diverse persone vengono rappresentate nella medesima mappa,
  • facilitando il confronto;
  • permettendo di accelerare il passaggio dalla fase di elaborazione a quella esecutiva;
  • nella gestione della conoscenza distribuita: le informazioni vengono rappresentate utilizzando degli standard e degli accorgimenti rappresentativi permettendo di avere una visione oggettiva dell’argomento.

Le mappe mentali trovano applicazione in diversi campi come:

  • creatività: generare idee, sia autonomamente che in gruppi di lavoro mediante brainstorming;
  • analisi: rappresentare, valutare e comparare varie idee in fase di problem solving;
  • comunicazione: veicolare le informazioni in modo semplice e intuitivo, enfatizzando i collegamenti logici, facilitando la dialettica e il confronto;
  • organizzazione: strutturare le attività, assegnare i tempi, raccogliere le informazioni necessarie;
  • documentazione: impostare documenti e progettare strutture documentali.

Le mappe mentali possono essere utilizzate infine in ambito didattico:

  • nel cooperative learning e nella creazione di gruppi di lavoro, sia in presenza che a distanza;
  • nella socializzazione della conoscenza;
  • nella progettazione e nella realizzazione di percorsi formativi interdisciplinari;
  • nella valutazione delle competenze acquisite.

Continua…

Richiedi infomazioni sul corso “C.I.A.O.” e sulla tecnica delle mappe mentali

3 Responses to “COME IMPIEGARE LE MAPPE MENTALI”

Leave a Reply