Nel post di ieri abbiamo parlato dell’emozione della paura e di come riconoscerla sul volto di chi la sta provando analizzandone la mimica.

La mimica facciale della paura viene individuata su tre zone del volto:

1) parte alta: sopracciglia sollevate e ravvicinate, creano delle leggere rughe orizzontali in alcuni punti della fronte;

2) parte media: occhi aperti e tesi, la palpebra superiore sollevata mentre quella inferiore contratta;

3) parte bassa: bocca aperta, labbra tese e spesso stirate all’indietro.

Quando tutte le parti sono attive si ha l’espressioni della paura.

Può anche accadere come nella mimica delle altre emozioni (vedi Riconoscere le emozioni. La sorpresa), che siano attive solo due delle zone sopra citate e che una delle tre resti neutra. Siamo davanti ad un’espressione di paura parziale.

Le espressioni di paura parziale sono le seguenti:

  1. Apprensione o paura iniziale: sono attive solo le sopracciglia e gli occhi, la bocca rimane neutra.
  2. Paura inorridita oppure orrore: in questo caso le sopracciglia sono neutre, mentre le parti attive sono quelle degli occhi e della bocca. La paura come detto precedentemente può comparire insieme ad alter espressioni come la tristezza, la rabbia o il disgusto, può essere anche mascherata da un’espressione di felicità.

La combinazione che incontriamo più frequentemente è quella tra paura e sorpresa, in quanto gli eventi minacciosi sono spesso inaspettati. Nella maggior parte di queste espressioni dove una parte del viso manifesta paura e l’altra sorpresa, di solito è la paura a predominare.

Per saperne di più richiedi informazioni sul corso “C.I.A.O. Microespressioni”.

Leave a Reply