Continuiamo l’argomento trattato nel post precedente PNL i segnali d’accesso.

I segnali d‘accesso sono uno dei metodi più efficaci per conoscere. Infatti rappresentano il modo in cui i cinque sensi si interfacciano alla realtà nel momento in cui immagazzinano le informazioni che verranno raccolte dalla nostra memoria. Ogni accesso alle informazioni presenti nella nostra memoria è rappresentato da un diverso movimento dei bulbi oculari.

Andiamo a vedere quali sono i segnali d’accesso:

1) VISIVO RICORDATO (VR): movimento in alto a sinistra. Stiamo accedendo all’emisfero destro del nostro cervello, stiamo richiamando delle informazione che abbiamo realmente visto.

2) VISIVO COSTRUITO (VC): movimento in alto a destra. Stiamo accedendo all’emisfero sinistro del cervello, stiamo ricostruendo le immagini.

3) AUDITIVO RICORDATO (AR): movimento orizzontale a sinistra. Stiamo accedendo all’emisfero desto del cervello, stiamo richiamando suoni effettivamente uditi.

4) AUDITIVO COSTRUITO (AC): movimento orizzontale a destra. Stiamo accedendo all’emisfero sinistro del cervello, stiamo costruendo o immaginando suoni.

5) CINESTESICO (K): movimento in basso a destra. Stiamo richiamando sensazioni cinestesiche.

6) DIALOGO INTERNO (DI): movimento in basso a sinistra. E’ in atto un vero e proprio dialogo interiore, stiamo dialogando con noi stessi.

Il legame tra i movimenti dei bulbi oculari e i canali comunicativi è stato provato da diversi esperimenti. Dal punto di vista scientifico tale meccanismo è basato sulla stimolazione continua dei due emisferi data da un continuo aumento dell’attività neurale.

Se vuoi saperne di più sulla programmazione neuro linguistica e sul linguaggio del corpo visita il sito www.formazionepersonale.it e richiedi informazioni sul semiario di PNL per poter approfondire questi argomenti.

Leave a Reply