Parliamo oggi delle microespressioni facciali

Ti è mai capitato, durante una conversazione di pensare: “quella faccia non mi convince”?

Hai mai cercato di interpretare l’espressione del viso del tuo interlocutore?

Quante volte ci siamo fatti domande di questo tipo, ma, non riuscendo a trovare una risposta abbiamo lasciato correre?

Un modo per riuscire a rispondere a queste domande c’è.

Nel campo della formazione, uno degli argomenti maggiormente ricercati negli ultimi tempo è quello sulle microespressoni facciali.

Dopo il grande successo della serie tv “Lie to me”, ispirato agli studi del dottor Paul Ekman sul comportamento umano, sul linguaggio del corpo e sulle espressioni facciali, in molti si sono interessati ad approfondire li studio del linguaggio del corpo ed in particolare quello dei movimenti del nostro viso.

Lo studio sulle microespressioni facciali infatti, ci aiuta, attraverso un’attenta analisi dei movimenti muscolari del viso, a percepire quali sensazioni sta provando il nostro interlocutore.

Quando parliamo di microespressioni facciali, andiamo a trattare un argomento decisamente vasto, che richiede uno studio approfondito sul linguaggio non verbale.

E’ comunque interessante cominciare a capire, quali sono le espressioni del nostro visto che raccontano un certo tipo di sensazioni, come paura, rabbia o felicità.

Oppure imparare a capire se il nostro interlocutore ci sta dicendo una bugia o la verità osservando con attenzione il suo viso.

Con i laboratori tematici del Master in Formazione Personale, avrai l’opportunità di intraprendere un percorso formativo, affrontando argomenti come la Pnl, la comunicazione efficace e scoprire come interpretare i messaggi che il nostro corpo trasmette.

Durante i laboratori tematici, potrai apprendere alcune nozioni di base sulla mimica facciale, attraverso la visione di video, numerosi esempi ed esercizi pratici.

Per avere maggiori informazioni sui laboratori, e sul corso di microespressioni facciali visita il nostro sito.

Leave a Reply