Parliamo nuovamente della mappa mentale.

Come ormai ben sai, le mappe (come i loci ciceroniani, le stanze di Giordano Bruno, ecc.) servono per un lavoro Macro, mentre le tecniche di memoria (formule, date, ecc.) per un lavoro sul Micro.

Es: Stai studiando, trovi una formula, la memorizzi (Micro) mentre sulla mappa (Macro) riporti solo la prima immagine della sequenza che hai creato.

Se vuoi puoi scrivere sul retro del foglio la formula scritta per intero. Allora diventa importante lavorare bene, seguendo le indicazioni, e ricordare che le mappa, più che essere bella deve essere utile e funzionale.

Per farla bene e velocemente ci vuole costanza e pratica… ricorda: “La pratica è la madre di tutte le abilità”!

Ti ricordiamo le regole di base per fare una mappa mentale stupenda ed efficace:

- FOGLIO ORIZONTALE

- PARTIRE DAL CENTRO

- PROCEDERE AD ANELLI

- SCRIVERE IN STAMPATELLO

- PAROLE CHIAVE

- FRECCE

- CODICI

- FIGURE GEOMETRICHE

- COLORI

- VISUALS (Disegnini)

- CREATIVITA’

Le mappe mentali vanno fatte: paragrafo per paragrafo; capitolo per capitolo; giorno per giorno.

Presto avremo nuovamente modo di approfondire la mappa mentale

One Response to “MAPPA MENTALE. LO STUDIO”

Leave a Reply