Continuiamo con un altro post sul “parlare in pubblico“, parlando dell’uso della retorica.

Nell’ornamento del discorso un buon oratore dovrà essere non solo parco ma anche raffinato, come chi nell’allestimento di un ricevimento si tiene lontano dallo sforzo; per essere davvero efficace eviterà dunque l’abuso di artifici retorici come i richiami tra parole simili, effetti di rima o di ritmo, giochi di suono ottenuti con cambi di lettera, affinché l’eleganza formale e l’intento di risultare piacevoli non appaiano troppo scoperti.

Potrà dunque avvalersi liberamente delle diverse tecniche, purché non le inserisca nel discorso con troppa frequenza e ricorra anche a termini del linguaggio comune a fianco delle metafore, che dovranno comunque essere utilizzate con cautela; se si servirà di immagini per rendere più incisivi i concetti, farà in modo che non siano troppo marcate.

Buana parte di tali artifici si addicono anche a uno stile misurato, ma dovrà sembrare che tali ornamenti siano stati inseriti accidentalmente, in modo quasi trascurato.

L’organizzazione delle parole in una frase comporta essenzialmente due aspetti:

- disposizione e ritmo

- musicalità

E’ una buona disposizione quella che non comporta uno scontro duro o uno iato tra le parole ma le lega tra loro con fluidità: solo così si può avere un discorso compatto, coeso, fluido e scorrevole.

Per quanto riguarda il ritmo, se da un lato è un grave difetto che nella prosa o in un discorso l’ordine delle parole dia l’impressione di un verso poetico, dall’altro è indice di uno stile elegante che nelle parole siano disposte con un certo ritmo e si compongano armoniosamente.

Tra le molte caratteristiche è forse questa che più di tutte distingue il vero oratore dall’inesperto: costui rovescia una parola dietro l’altra, rozzamente, e valuta ciò che dice con il fiato, non con l’arte; l’altro, invece, lega le parole ai concetti in modo da creare un certo ritmo, vincolato e libero allo stesso tempo.

Se sei anche tu incuriosito dalle strategie di parlare in pubblico e di Programmazione Neuro Linguistica,

richiedi informazioni sul seminario Ciao PNL.

Leave a Reply