Parliamo oggi, citando Cicerone, dell’arte della memoria nella comunicazione e nel parlare in pubblico.

All’inizio di questa facoltà c’è senz’altro la predisposizione naturale. Ma tutta l’arte del comunicare, se di arte si tratta, o qualunque cosa sia, ha questa particolare proprietà, non di generare o produrre dal nulla qualcosa di cui non c’è traccia alcuna nella nostra indole, ma sicuramente di far scaturire e consolidare quelle facoltà che sono innate in noi.

Tuttavia quasi nessuno è di memoria così solida da poter ricordare l’ordine di parole, nomi o concetti senza apposite tecniche di organizzazione mentale (vedi tecniche di memoria, mappe mentali e metodo di studio: IL CORSO!), o viceversa così fragile da non poter migliorare grazie all’abitudine e all’esercizio. Bisogna dunque avvalersi di visualizzazioni (vedi come usare la visualizzazione) chiare, semplici, contigue, e di immagini efficaci, precise, intense, che siano in grado di offrirsi istantaneamente al pensiero e colpirlo. Un abilità di questo tipo si consegue con l’esercizio, dal quale a sua volta deriva l’abitudine, con la memorizzazione di parole simili, declinate o organizzate in categorie dal particolare al generale, o con la sintesi dell’intero concetto in una singola immagine.

Vi sono però determinate parole, quelle che, come le articolazioni del corpo umano, tengono insieme le parti di un discorso, le quali non possono essere visualizzate con nessuna immagine simile: bisogna allora crearsi delle immagini fittizie che useremo poi in ogni analoga circostanza.

Non è vero che, come dichiarano con un luogo comune gli inesperti, la memoria viene schiacciata dal peso di queste immagini mentali e che a causa di esse rischia di venire oscurato anche ciò che si sarebbe potuto ricordare senza artefici. Anzi, con questo esercizio, se non potrà essere originata una capacità mnemonica assente per natura, sarà tuttavia possibile far emergere quelle abilità che erano rimaste inespresse in noi.

Continueremo l’argomento “arte della memoria nella comunicazione” prossimamente!

Leave a Reply