Come memorizzare i palazzi delle istituzioni italiane?

“Il governo si riunisce a palazzo chigi per dibattere sulle ultime questioni interne”,  “A Montecitorio ultimo incontro della camera dei deputati”. Ecco alcune ordinarie notizie del telegiornale. Spesso la nostra reazione è “Uff, sempre le stesse cose!” Sentiamo tanto parlare di palazzo Chigi, di Farnesina, Montecitorio, di Corte dei Conti, Corte costituzionale, Ministero degli interni. Quanto ne sappiamo sulle istituzioni italiane? In quali palazzi sono ubicate le loro sedi?  Beh, nonostante sentiamo parlare di istituzioni quasi tutti i giorni, forse non tutti sappiamo con esattezza quali siano tutte le istituzioni del nostro paese, da chi sono presidenziate, o le loro sedi. La confusione regna sovrana! Istituzioni italiane e palazzi istituzionali. Eccoci giunti ad un’altra tappa dei test di cultura generale.

Facciamo un rapidissimo giro d’elicottero: la presidenza della Repubblica si riunisce al Quirinale, il Senato al palazzo Madama, la Camera dei Deputati a Montecitorio, il Governo a Palazzo Chigi, La Corte Costituzionale al Palazzo della Consulta ecc. ecc.

Come evitare la confusione? Potremmo star lì a leggere l’elenco completo, riscriverlo, ripetere innumerevoli volte, e magari non avere ancora la massima sicurezza. Sappiamo benissimo quanto sia importante una preparazione dettagliata e sicura, soprattutto in sede di quiz ministeriali, test a numero chiuso e la preparazione al test di medicina (vedi come superare i test a numero chiuso).

Ma come memorizzare tutte le istituzioni italiane e loro sedi? Da oggi, grazie alle tecniche di memoria e a dei pav (vedi Corso CIAO e memorizzare velocemente con la visualizzazione) svolti e pronti all’uso, si delineerà nitidamente il completo quadro della situazione. Riuscirete a memorizzare in tempi brevissimi tutte le informazioni a riguardo, eliminando radicalmente la confusione. E perché no, conoscendo approfonditamente le istituzioni e le sedi italiane,  potrete anche guardare il telegiornale con uno spirito critico e un’acutezza mentale ancora maggiore!

Le tecniche di memoria sono semplicissime da utilizzare e (per gli scettici o per soggetti con scarsa autostima) chiunque può riuscirci con ottimi risultati.

Le mnemotecniche si basano su delle caratteristiche che tutti abbiamo, come la creatività, la memoria visiva e la memoria associativa.

Spesso verrà usata quindi la visualizzazione creativa (vedi come usare la visualizzazione) facendo lavorare la nostra mente per immagini col minimo sforzo e un incremento del divertimento!

Richiedi informazioni per assistere ad un workshop gratuito in cui potrai provare le tecniche su te stesso e stupirti di quanto sia facile sfruttare di più la nostra mente e sviluppare la nostra formazione personale, imparando così, con semplicità, come memorizzare i palazzi delle istituzioni italiane.

Provare per credere!

Leave a Reply