Ti è mai capitato di leggere due, tre o più volte la stessa riga senza riuscire a ricordare?

Ti è mai capitato di arrivare a fine pagina e pensare: “ma cosa ho letto” ?

Quanto tempo si perde nello studio leggendo magari capitoli interi, accorgendoti poi che le cose fondamentali sono alla fine?

Quanti libri vorresti leggere ma ti manca il tempo?

Esiste una soluzione?

Sicuramente il metodo della lettura veloce può essere molto utile. In quanto ci consente di essere più concentrati in fase di lettura ed evitare le distrazioni. Oltre ad essere più veloci aiuta ad avere un livello di ritenzione delle informazioni maggiore rispetto al normale.

Ma che cos’è la lettura veloce?

La lettura veloce consiste in una serie di esercizi che servono a rendere più elastici i muscoli oculari. Rendendo più elastici i muscoli del nostro occhio riusciamo a fornire al nostro cervello un maggior numero di informazioni e di migliore qualità, molte di più di quelle che trasmettiamo al nostro cervello utilizzando la lettura che ci è stata insegnata alle scuole elementari, ossia sillabando.

In realtà la nostra mente è in grado di riconoscere  il senso di una frase senza bisogno di riconoscere tutte le sillabe,

come quando ci capita guidando, di leggere i cartelli pubblicitari.

Come funziona?

Per aumentare la nostra velocità di lettura e la comprensione bisogna tener conto di un importante fattore: il nostro occhio legge solo da fermo. Se guardiamo una persona che legge notiamo che l’occhio compie dei piccoli movimenti chiamati“Stop and Go”.

Quindi la prima cosa da fare è ampliare il campo visivo mantenendolo più largo anche in fase di lettura.

Successivamente, bisogna lavorare sull’aumento della velocità degli “Stop and Go”.

Infine riusciremo ad aumentare la comprensione.

In pratica, raggiunta la propria velocità ottimale, si otterrà una comprensione superiore a quella di partenza.

3 Responses to “LA LETTURA VELOCE. ALCUNE DINAMICHE”

Leave a Reply