La mappa mentale è una potentissima tecnica di rappresentazione grafica e simbolica che, unendo immaginazione e creatività, consente di strutturare l’informazione, tanto quella che si riceve quanto quella che si trasmette, attraverso l’assimilazione, l’organizzazione, l’associazione e l’espressione in una forma sintetica e strutturata che facilita i processi di comprensione, memoria e analisi dell’informazione a livello mentale.

Questa tecnica prende come principio il modo naturale con cui il cervello processa l’informazione, senza bisogno di passare per il processo di traduzione delle idee in parole mediante la sintassi, la struttura linguistica e le regole grammaticali della lingua.

Poiché la naturalezza delle mappe mentali è strettamente associata al funzionamento della mente, questa tecnica è altamente efficace in qualunque attività in cui intervengano il pensiero e la creatività.

I campi di applicazione di questa tecnica sono vastissimi.

Come raffigurato nella foto, si può notare la struttura di una mappa mentale generica.

La mappa mentale è una tecnica che utilizza determinate funzioni cerebrali che consentono di sintetizzare idee e concetti in forma grafica, rendendoli più assimilabili ai nostri processi di apprendimento e sviluppo.

Il cervello è diviso in due emisferi, destro e sinistro, ciascuno dotato di funzioni specifiche.

Le mappe mentali uniscono le funzioni dell’emisfero sinistro (parole, numeri, ordine, sequenza, logica) alle funzioni tipiche dell’emisfero destro (colori, immagini, metafore, simboli, forme).

La collaborazione tra i due emisferi ci stimola a sviluppare il nostro potenziale mentale, favorendo la memoria, l’apprendimento e la creatività.

Inoltre, l’elaborazione di una mappa mentale ci permette di avere una comprensione profonda dell’informazione e di capire in che modo i concetti si collegano tra loro, identificando i temi rilevanti e sviluppando in questo modo una notevole capacità di associazione e di sintesi.

Un elemento fondamentale è che le mappe mentali hanno come principio il pensiero associativo, ovvero il modo naturale con cui la mente processa le informazioni.

Ciò significa che il cervello riceve un’informazione e la raffronta associativamente a un’altra già immagazzinata, producendo così una descrizione di una realtà.

Utilizzando le mappe mentali trasmettiamo al nostro cervello un’informazione nella stessa modalità in cui esso la processa, la organizza e la immagazzina naturalmente.

E’ come se parlassimo al nostro cervello nella sua stessa lingua fornendogli un’informazione già pronta per venire immagazzinata, facendogli risparmiare tutto il lavoro di traduzione e di decodificazione in modo che possa capire e memorizzare l’informazione più facilmente.

Presto approfondiremo l’argomento mappa mentale.

7 Responses to “MAPPE MENTALI”

Leave a Reply