La relazione tra capacità mentali e l’invecchiamento hanno avuto di recente  un interessante risvolto scientifico.

  • Alla domanda “Cosa succede alle cellule cerebrali quando invecchiano?”

di solito la risposta è un coro di “Muoiono!”’ pronunciato con sorprendente e straordinario entusiasmo.

Tuttavia,una delle notizie più gradite provenienti dalle ultime arriva dalla dottoressa Marion

Diamond della University of California,che ha recentemente confermato che non c’è

alcuna prova della perdita di cellule cerebrali con l’invecchiamento in un cervello normale,

attivo e sano.

Al contrario,ora le ricerche indicano che,se il cervello viene utilizzato e tenuto in allenamento, si verifica un aumento biologico della complessità dei collegamenti tra le

cellule, in altre parole l’intelligenza della persona aumenta.

Il processo di apprendimento di individui sessantenni,settantenni,ottantenni e novantenni ha dimostrato che, in ogni area di prestazione mentale,possono essere compiuti miglioramenti permanenti e statisticamente significativi.

Siamo all’inizio di una rivoluzione senza precedenti: il salto quantico nello sviluppo dell’intelligenza umana.

Sul fronte personale, nell’istruzione e negli affari, le informazioni derivanti dai laboratori

psicologici, neuro-psicologici e formativi vengono usate per risolvere problemi che finora

erano stati considerati una parte inevitabile del processo di invecchiamento.

Quindi adesso tocca a noi, applicarci in ciò che conosciamo, impariamo o ci viene insegnato con la consapevolezza delle enormi possibilità di miglioramento del nostro cervello.

Le capacità mentali si possono assolutamente migliorare, incrementare attraverso un appropriato allenamento mentale.

Clicca qui per avere il programma di un percorso specialistico qualificato

http://formazionepersonale.it/pagine/ciao.asp

7 Responses to “LE CAPACITA’ MENTALI E L’INVECCHIAMENTO”

Leave a Reply