Washburn ha condotto prove mettendo a confronto scimmie rhesus (Macaca mulatta) con bambini umani in un gioco di concentrazione. Tuttavia, quando le memorie spaziale e visiva delle scimmie rhesus doveva essere coordinata con la memoria di “cosa si trovava dove”, i risultati non sono stati migliori di quelli casuali. Sono state discusse varie ipotesi sul perché le scimmie, ma non in soggetti umani, facciano fatica a coordinare la memoria spaziale e quella visiva. “Forse questa rappresenta un’area in cui gli esseri umani usano una memoria di lavoro verbale-una strategia mnemonica che presumibilmente non è nelle possibilità dei primati non umani- per facilitare il mantenimento e il riferimento incrociato delle informazioni visive e spaziali.” (WASHBURN et al. International Journal of Comparative Psychology. 2003. 16, #4, 209-225). Ancora una volta, pertanto, un gioco di memoria di immagini, che impegna il lato sinistro del cervello per gli aspetti spaziali (come in una ‘prova di prospettiva con cubo; Stumpf & Fay, 1983), ed esercita il lato destro del cervello e il centro del linguaggio attraverso correlazioni oggetto-parola, sviluppa proprio questo aspetto della capacità mnemonica.

Secondo i ricercatori del MIT Williams (Williams, A.O., 2001) esistono evidenze comportamentali da esperimenti su neonati e studi sulla prosopoagnosia (detta anche incapacità di riconoscere i volti, una patologia che colpisce circa 1 persona ogni 50) forniscono prove della speciale capacità di riconoscimento dei volti innata negli esseri umani. Sembra che esista un’area anatomicamente distinta preposta al riconoscimento rapido, olistico dei volti. Alcuni studiosi suggeriscono che i volti potrebbero essere elaborati diversamente rispetto agli altri oggetti con particolari difficoltà nell’invertire le immagini di volti, che sono state frequentemente rilevate in prove come il Cambridge Face Memory Test (ed altre prove condotte da neuroscienziati cognitivi presso l’University College di Londra, la Harvard University et al.) che utilizza controlli di stimoli di volti invertiti. I soggetti producono risultati molto meno accurati quando le immagini dei volti sono invertite. Un gioco di riconoscimento di coppie di immagini fotografiche è uno strumento didattico unico e particolarmente utile. È possibile creare facilmente un gioco di memoria stampando fotografie digitali con 25 volti familiari, come genitori, figli, nonni, cugini e amici.

Per avere altri esercizi di memoria, si possono consultare i seguenti testi:

“Usiamo la memoria”  di Tony Buzan

“Il fattore Einstein” di Win Wenger

One Response to “ESPERIMENTI SULLA MEMORIA…ALCUNI SVILUPPI”

Leave a Reply